Come insegnare al bambino a condividere

·3 minuto per la lettura
condividere
condividere

Condividere e fare a turno non è naturale per i bambini. Tuttavia, non è troppo presto per aiutarli a sviluppare limiti personali e pazienza. Ecco alcuni metodi che hanno funzionato per altri genitori.

Modellare il comportamento

“Il modo migliore per insegnare è quello di modellare se stessi. Quando mio figlio prende un giocattolo da un altro bambino, dico ‘scusa’ all’altro bambino e aiuto mio figlio a restituirlo. Poi gli trovo qualcos’altro con cui giocare”.

“Per insegnare a mia figlia a condividere, le ho dato un pacchetto di adesivi e glieli ho fatti condividere con la mamma, la nonna, il nonno, ecc. Ha funzionato a meraviglia. Ho anche insegnato a fare a turni colorando con lei. Le dicevo: “La mamma sta usando il pastello viola in questo momento. Puoi prenderlo quando la mamma ha finito”. Le sue lacrime mi hanno quasi spezzato il cuore, ma ha aiutato molto”.

“Il mio compagno e io troviamo opportunità nella nostra vita quotidiana per praticare la condivisione con il nostro bambino. Ci assicuriamo di condividere le cose davanti a lui. Ci sediamo con lui e condividiamo i giocattoli con cui stiamo ‘giocando’. Condividiamo gli asciugamani quando si lava le mani e in generale inventiamo situazioni che gli danno la possibilità di fare pratica”.

“A volte è bene giocare con bambini più grandi che sono più disposti a scendere a compromessi e a condividere. Possono aiutare a dare l’esempio”.

Affrontare le emozioni

“Abbiamo lavorato sulla condivisione fin dal primo giorno (i nostri figli ora hanno 28 e 13 mesi). Un bambino finisce sempre il suo turno quando ha un giocattolo. Gli facciamo anche capire che è importante non fare un turno lungo se qualcun altro sta aspettando. Se si arrabbia, gli diciamo che le emozioni vanno bene e troviamo qualcos’altro con cui giocare nel frattempo. Se è ancora arrabbiato lo abbracciamo e gli diciamo: ‘Vuoi solo piangere un po’? Va bene così. Prenditi un momento per calmarti” e lo culliamo avanti e indietro”.

insegnare a condividere
insegnare a condividere

Tattiche di offerta

“Se mio figlio prende il giocattolo di qualcun altro, gli dico che non può prenderlo per sé, ma possono giocarci insieme. Successivamente mi siedo e gli mostro come fare. Ci sono voluti tempo e fatica, ma siamo riusciti a farlo. Mio figlio ora passa le cose a sua sorella maggiore e capisce che giocare insieme è molto più divertente che litigare per le cose”.

“Una cosa che funziona bene con un bambino piccolo e un bambino più grande è dire che chi ha il primo turno ha il turno più corto. Il bambino piccolo vorrà il primo. Il bambino più grande vorrà il secondo turno”.

Rinforzo positivo

“Abbiamo iniziato a incoraggiare la condivisione chiedendo un morso quando stava mangiando, così che lentamente ha iniziato a capire che andava bene offrire alcune delle sue cose. Ora condivide, o almeno offre, il suo cibo e i suoi giocattoli regolarmente, capendo che appartengono ancora a lei e che può riaverli. Fare pratica e incoraggiare i buoni comportamenti aiuta. L’abbiamo anche incoraggiata ringraziandola quando ha condiviso con noi, e ora anche lei dice ‘grazie'”.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli