Come pesare gli alimenti per non esagerare con le porzioni

·2 minuto per la lettura
cibi cotti crudi
cibi cotti crudi

Quando si segue una dieta allo scopo di perdere i chili di troppo, non è fondamentale solamente cosa si mangia, ma lo sono anche le quantità degli alimenti che si portano a tavola. Proprio per questo risulta fondamentale stare attenti quando si pesano i cibi da cotti e da crudi in quanto le porzioni risultano essere differenti nei due casi. Scopriamo qualche utile consiglio per non incorrere in errori eccedendo senza volere nelle porzioni consumate.

Cibi cotti o crudi: attenzione a non eccedere

Sia che si segua una dieta scritta online, sia che ci si rivolga a un nutrizionista, accanto agli alimenti è scritto il peso degli alimenti da consumare. Il problema è che pesando i cibi cotti o crudi ci sono delle differenze anche molto importanti e c’è quindi il rischio di eccedere con le quantità delle porzioni che si preparano.

Il peso del cibo cambia infatti a seconda di vari fattori e anche il fatto che un alimento sia crudo oppure cotto ne modifica il peso. Basti pensare alla pasta che aumenta di volume quando viene cotta in quanto assorbe acqua. Altri invece, come la carne, le verdure e il pesce calano di peso dopo la cottura in quanto perdono acqua.

In generale bisogna tenere in considerazione che gli alimenti cotti raddoppiano di peso molto spesso, tranne appunto nei casi citati poco sopra. Il metodo di cottura influisce anche molto. Prendendo in considerazione un alimento bollito, questo peserà molto di più dal momento che assorbe una grande quantità di acqua rispetto a un alimento cotto in un altro modo. Un cibo arrostito, al contrario, peserà meno una volta cotto dal momento che questo perde acqua.

Ad esempio, 100 grammi di bovino adulto magro a crudo corrispondono a 66 grammi dello stesso alimento bollito e a 54 grammi cotto arrosto.