Come posso insegnare a mio figlio a non barare? (dai 5 agli 8 anni)

·2 minuto per la lettura
barare
barare

La maggior parte dei bambini di questa età tende a barare di tanto in tanto perché pensa che sia più importante vincere che godersi il gioco. All’età di 5 anni, vostro figlio ha capito che lo scopo della maggior parte dei giochi è vincere, e farlo lo fa sentire potente. Spesso, infatti, non riescono ad accettare la sconfitta. Tutti vogliamo che i nostri figli abbiano successo, ma non se questo significa barare. Per reprimere l’infrazione delle regole in vostro figlio, provate i seguenti suggerimenti.

Come insegnare al bambino a non barare

Fate appello al suo senso di empatia. All’età di 5 anni, i bambini hanno iniziato a sviluppare la capacità di sentire ciò che qualcun altro sta provando. Spiegate a vostro figlio che quando non segue le regole, gli altri giocatori si sentono male. Ricordategli che se tutti imbrogliassero, il gioco non sarebbe affatto divertente. L’empatia è uno dei principali valori da insegnare al bambino.

Mettete in chiaro che barare annulla la vittoria. Se vostro figlio cambia il modo in cui girano i dadi quando giocate con lui, per esempio, spiegategli che forse ottiene più punti, ma non sta vincendo perché non sta seguendo le regole. Togliergli la ricompensa per aver barato gli toglie il desiderio di barare.

non barare 1200x639
non barare 1200x639

Sottolineate che il divertimento sta nel giocare, non nel vincere. Lo abbiamo già sentito tutti, ma vale la pena ripeterlo. Il modo più semplice per portare a casa questo punto è insegnare con l’esempio: se perdete, non lamentatevi del fatto che avete perso. Dite invece che vi siete divertiti a giocare. E durante una partita, non dite cose come “Spero di vincere” o “Oh no, sono indietro”. Invece di pensare al risultato, siate concentrati su ciò che voi e vostro figlio state facendo nel presente. Frasi come “È stata una mossa intelligente” o “Che tiro fortunato!” aiutano a mantenere i bambini impegnati nel divertimento del momento.

Trovate il modo di aiutare vostro figlio a sentirsi competente in altre aree della sua vita. Lodate la sua capacità di andare in bicicletta, per esempio, o ammirate la sua crescente abilità nel disegno. Più è sicuro di sé in generale, meno sentirà il bisogno di vincere (e imbrogliare, se necessario) per costruire l’autostima.

Se beccate vostro figlio a imbrogliare, non reagite in modo eccessivo e non chiamatelo imbroglione. Fategli sapere con calma che quello che sta facendo non è giusto e che deve seguire le regole del gioco. Volete che sviluppi una coscienza, non che pensi di essere una cattiva persona.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli