Come proteggere vostro figlio dalle punizioni a scuola

·3 minuto per la lettura
Punizioni a scuola
Punizioni a scuola

Le punizioni a scuola possono suscitare grandi preoccupazioni. Vostro figlio torna a casa da scuola con un segno rosso sul braccio. Quando gli chiedete cosa è successo, dice che la sua insegnante lo ha afferrato con forza, fino a fargli male. Com’è possibile? Vostro figlio di solito non mente, ma l’idea che un adulto gli faccia del male a scuola vi sembra così orribile che non riuscite a credere che sia successo davvero. Ebbene, credeteci. La punizione corporale è ancora consentita come metodo di disciplina nelle scuole pubbliche di 23 stati. E alcuni insegnanti la praticano ancora. Le punizioni a scuola possono assumere molte forme, tra cui la sculacciata, l’afferrare o lo scuotere i bambini.

Tuttavia, secondo uno studio, le sculacciate possono rafforzare il comportamento aggressivo di un bambino.

Come posso proteggere mio figlio se il mio stato autorizza le punizioni a scuola?

Anche se vivete in uno stato che permette le punizioni fisiche a scuola, potete comunque prendere provvedimenti per proteggere vostro figlio. Chiedete una copia scritta della politica delle punizioni del distretto scolastico. Anche se il vostro stato le autorizza, il vostro distretto scolastico potrebbe non tollerare le punizioni fisiche. Se è in vigore un tale divieto a livello distrettuale, allora ogni scuola deve aderire a questa politica.

Successivamente, scoprite la politica della scuola. Il preside o l’insegnante, rispettivamente, possono proibire l’uso di punizioni fisiche nella scuola o nella classe. Fate conoscere i vostri desideri in anticipo. Anche se la punizione fisica è permessa, potete insistere che vostro figlio non la subisca. Jordan Riak, direttore esecutivo di Parents and Teachers Against Violence in Education, consiglia ai genitori di parlare all’inizio dell’anno scolastico prima che qualsiasi problema disciplinare abbia la possibilità di esplodere. “Non aspettate che vostro figlio sia traumatizzato”, dice.

Mettetelo per iscritto. Chiedete ad un avvocato di redigere una lettera su carta intestata legale che dichiari che state ritirando il vostro permesso alla scuola di punire fisicamente vostro figlio. Se non avete un avvocato, potete scrivere una lettera da soli. Indirizzate questa lettera all’insegnante di vostro figlio e al preside della scuola.

Punizioni a scuola rimedi
Punizioni a scuola rimedi

Cosa devo fare se mio figlio viene ferito da un adulto a scuola?

Accogliere vostro figlio dallo scuolabus e trovare un livido sul suo braccio causato da un insegnante può farvi sentire agitati, arrabbiati e impotenti. Ma cercate di mantenere la calma. È meglio occuparsi prima dei suoi bisogni emotivi. Sedetevi con lui e ditegli che farete in modo che questo non accada più. Spiegategli che vorreste che lui vi dicesse cosa è successo e che voi scriverete tutto, come se steste scrivendo una storia.

Se possibile, fate una foto della ferita. Poi, prendete un appuntamento con il vostro pediatra il più presto possibile, in modo che possa vedere l’entità della ferita. Spiegate il motivo della vostra visita quando chiamate. Il medico documenterà l’infortunio nella cartella di vostro figlio, che potrete usare per un’azione legale in caso di necessità.

Cosa succede se non sono sicuro che mio figlio sia stato ferito?

A volte un bambino può lamentarsi di essere stato maltrattato da un adulto a scuola, ma non ha segni fisici. Altri bambini possono essere sottoposti a punizioni a scuola ma non ne parlano. Se avete dei sospetti, state all’erta per alcuni sintomi rivelatori: cercate dei cambiamenti nel suo comportamento. Il vostro bambino, che prima balzava fuori dal letto, impaziente di andare a scuola, ora sonnecchia e si lamenta del mal di pancia? Si rifiuta di salire sullo scuolabus? Ha smesso di parlare della scuola, mentre prima amava raccontarvi la sua giornata? Scoppia a piangere senza motivo? Ha improvvisamente paura di dormire? Ha sviluppato problemi alimentari?

Se notate una di queste bandiere rosse emotive, provate a fare domande gentili come: “È successo qualcosa a scuola che ti ha spaventato o turbato?” Potrebbe iniziare a parlare dell’incidente se gli si presenta un’apertura del genere. Inoltre, provate a cercare segni fisici di abuso quando vostro figlio si cambia o fa il bagno. Potete anche consultare altri genitori per vedere se i loro figli si comportano in modo simile.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli