Come risolvere i conflitti senza urlare: preziosi consigli

risolvere i conflitti senza urlare
risolvere i conflitti senza urlare

Come risolvere i conflitti senza urlare? Siete stanchi di urla, strepiti e conflitti in famiglia? Le urla sono generalmente un segno che abbiamo perso il controllo. Anche se alziamo la voce per farci sentire, può avere l’effetto opposto e le persone spesso si spengono. Questo rende le urla una strategia piuttosto controproducente per risolvere i conflitti.

Risolvere i conflitti senza urlare

Ecco alcune strategie che potete utilizzare per ridurre i conflitti in famiglia senza dover urlare.

Identificare l’emozione

La rabbia non è una bella sensazione, ma è essenziale. Ci segnala che un problema deve essere risolto. Anche il semplice fatto di dare un nome all’emozione può aiutare molto a risolvere il problema. A tutti piace sentirsi ascoltati. Dando un nome alle emozioni provate dagli altri, dimostriamo che stiamo ascoltando, che ci interessa e che possiamo “vederle”, il che contribuisce a proteggere le relazioni nonostante i conflitti. Anche riconoscere le proprie emozioni può aiutare a calmarsi abbastanza da affrontare il conflitto in modo più equilibrato.

Insegnate loro che il conflitto non deve per forza significare la fine di una relazione

Aiutateli a imparare a distinguere tra l’azione di una persona e la persona nel suo complesso. Se vi dicono qualcosa del tipo: “La mia amica non ha voluto condividere il suo giocattolo con me”, potete aiutarli a riformulare la loro delusione. Fate notare che la loro delusione deriva dal fatto che non hanno giocato con il giocattolo piuttosto che essere delusi dall’amico. La distinzione è piccola ma essenziale. I bambini imparano che sono loro a essere arrabbiati per l’azione dell’amico piuttosto che per l’amico. Possono mantenere o proteggere la relazione se sanno vedere la differenza.

come risolvere i conflitti senza urlare
come risolvere i conflitti senza urlare

Usare un linguaggio migliore

Esercitatevi con questa frase: “Mi sento (inserire la parola emozione), quando tu (dire cosa ti ha fatto arrabbiare o arrabbiare), perché (dire perché hai avuto questa sensazione)”. Ad esempio, “mi sento triste quando colpisci tua sorella perché nella nostra famiglia ci trattiamo con gentilezza”. Questa frase è ottima per esercitarsi perché non è un’affermazione di biasimo.

Se dicessimo: “Mi fai arrabbiare quando fai male a tua sorella”, chiederemmo a nostro figlio (o all’altra persona) di assumersi la responsabilità non solo della sua azione, ma anche delle nostre emozioni. Inoltre, si attribuisce la colpa alla persona e non alle sue azioni, facendola sentire in colpa o piena di vergogna. Queste emozioni sono molto intense e possono portare alla rabbia (perché non si vuole provare vergogna/colpa) o ad altri comportamenti di sfida per cercare di spostare il senso di colpa.

LEGGI ANCHE: