Come si è sviluppato e quanto è pericoloso il nuovo coronavirus

Dottor Post

(Questo post è a cura del Prof. Giovanni Puglisi, Primario Emerito dell’Azienda Ospedaliera S.Camillo-Forlanini di Roma)

Ad oggi, 24 gennaio 2020, in Cina sono 830 i casi accertati di infezione causata dal nuovo coronavirus (2019-nCoV) con 26 decessi. Casi isolati importati dalla Cina sono stati segnalati in Corea del Sud, Singapore, Hong Kong, Giappone, Tailandia, Taiwan, Macao e negli Stati Uniti.

Il 12 dicembre dello scorso anno, la Commissione Sanitaria Municipale di Wuhan ha segnalato all’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS-WHO) 27 casi di polmonite virale, 7 dei quali gravi, nella città di Wuhan. Tutti i casi, collegati epidemiologicamente con il mercato all’ingrosso di pesce e animali vivi di Huanan, non erano causati da virus abitualmente implicati in infezioni respiratorie o da coronavirus già noti, come il virus della Severe Acute Respiratory Syndrome (SARS-CoV) e della Middle East Respiratory Syndrome (MERS-CoV).

La SARS, comparsa in Cina nel 2002, aveva causato nel mondo, nel 2003, 8.089 casi con 774 decessi ed aveva interessato, oltre la Cina, altri 26 Paesi, con due focolai epidemici in Canada. La MERS, causata da un coronavirus identificato per la prima volta nel 2012, ha determinato la maggior parte di infezioni in Arabia Saudita, anche se casi sporadici sono stati riportati anche in Europa, negli Stati Uniti ed in Asia in persone che avevano viaggiato - o che avevano contatti con chi si era recato - in Medio Oriente. Al 31 dicembre 2019, complessivamente erano stati diagnosticati 2.499 casi MERS, con 861 decessi.

Un gruppo di ricercatori cinesi ha, di recente, suggerito che il 2019-nCoV è un virus ricombinante tra il coronavirus del pipistrello e del serpente. Il serpente sarebbe in natura il reservoir del virus. Questo virus mutato avrebbe acquisito la capacità di essere trasmesso dal serpente all’uomo (così detto “salto di specie”). L’adattamento nell’uomo potrebbe determinare la capacità di replicarsi efficacemente...

Continua a leggere su HuffPost