Come trattare le vene varicose dopo il parto

·5 minuto per la lettura
vene varicose
vene varicose

Le vene varicose tendono a migliorare una volta che la gravidanza è finita, generalmente entro tre o quattro mesi dopo il parto, anche se a volte ci vuole più tempo. L’esercizio quotidiano, l’elevazione dei piedi e delle gambe, il non incrociare le gambe o le caviglie quando si è seduti possono aiutare. Puoi anche parlare con uno specialista.

Ho sviluppato le vene varicose durante la gravidanza. Andranno via ora che ho avuto il mio bambino?

Le vene varicose tendono a migliorare una volta che la gravidanza è finita, generalmente entro tre o quattro mesi dopo il parto, anche se a volte ci vuole più tempo. Tuttavia, è meno probabile che tu le veda ridursi così tanto se avevi vene varicose prima della gravidanza, hai avuto gravidanze multiple o tendi a stare in piedi per lunghi periodi. Si può anche aver sviluppato le vene di ragno durante la gravidanza. Questi piccoli vasi vicino alla superficie della pelle appaiono più spesso sulle caviglie, sulle gambe o sul viso.

Sono chiamate così perché spesso hanno un motivo a ragno o a ragnatela, con piccoli rami che si irradiano dal centro. Non causano disagio e in genere scompaiono del tutto dopo il parto.

Cosa posso fare per minimizzare le vene varicose?

Segui questi suggerimenti:

Fare esercizio quotidiano. Anche solo una camminata veloce intorno all’isolato può aiutare la tua circolazione.

Sollevare i piedi e le gambe quando possibile. Usa uno sgabello o una scatola per riposare le gambe quando sei seduto, e tieni i piedi sollevati su un cuscino quando sei sdraiato.

Non incrociare le gambe o le caviglie quando sei seduto.

Non stare seduta o in piedi per lunghi periodi senza fare pause per muoversi.

Indossare speciali calze di supporto. Le calze a compressione graduata, che sono due volte più spesse dei normali collant, funzionano meglio. Queste calze sono disponibili nei negozi di forniture mediche e nelle farmacie. Sono strette alla caviglia e si allentano man mano che salgono lungo la gamba, rendendo più facile il flusso del sangue verso il cuore. Come risultato, aiutano a prevenire il gonfiore e possono evitare che le vene varicose peggiorino.

Per evitare che il sangue si accumuli nelle gambe, metti le calze prima di alzarti dal letto la mattina, mentre sei ancora sdraiata, e tienile addosso tutto il giorno. Le calze di supporto pesanti possono essere fastidiose, soprattutto nella stagione calda, ma le vene varicose cattive possono essere più scomode. Se sei in sovrappeso, parla con il tuo medico curante di una strategia sicura per la perdita di peso post-partum.

vene varicose dopo il parto
vene varicose dopo il parto

C’è un modo per sbarazzarsi delle vene varicose?

Se le tue vene varicose non migliorano dopo il parto e ti mettono a disagio, o se sei semplicemente insoddisfatta del loro aspetto, hai varie opzioni per curarle. Sii consapevole, però, che anche se ti sbarazzi di tutte le tue vene varicose, possono presentarsene altre in futuro. Ciò succede in particolare se sei geneticamente incline ad esse, se rimani incinta di nuovo o se sei in sovrappeso. Quindi, a seconda della tua situazione, ti potrebbe essere consigliato di rimandare il trattamento fino a quando non avrai più figli.

Se sei interessata a conoscere le opzioni di trattamento, o se il tuo medico pensa che le tue gambe debbano essere valutate da uno specialista, ti indirizzerà a una clinica specializzata in disturbi vascolari. Uno specialista (come un chirurgo vascolare o dermatologico) esaminerà le tue gambe e probabilmente ordinerà una speciale ecografia per avere un quadro più completo del tuo problema. Dopo averla valutata, lo specialista ti illustrerà le opzioni e i rischi, i benefici e i costi delle varie procedure. Esiste una varietà di trattamenti, e quello che userai dipenderà da quanto sono gravi le tue vene varicose. A volte una combinazione di tecniche è meglio.

Se le vene varicose stanno causando sintomi o lo specialista determina che la circolazione nelle gambe è compromessa, la tua assicurazione può coprire la consultazione e i trattamenti necessari. Le procedure fatte per ragioni puramente estetiche non sono coperte.

Le vene varicose sono gravi?

Le vene varicose possono prudere o far male e possono essere antiestetiche, ma sono generalmente innocue a breve termine. Tuttavia per alcune donne – quelle con un problema di circolazione che non migliora da solo dopo la gravidanza – la condizione può progredire nel tempo. Alla fine può portare a problemi seri come gonfiore, cambiamenti della pelle e piaghe che non guariscono bene.

Una piccola percentuale di persone che hanno le vene varicose sviluppa piccoli coaguli di sangue vicino alla superficie della pelle (una condizione chiamata trombosi venosa superficiale). Quando si sviluppa questo tipo di coagulo, la vena può sembrare dura e simile a una corda, e la zona intorno ad essa può diventare rossa, calda, indolenzita o dolorosa. Questi coaguli sono raramente gravi, ma assicurati di chiamare il tuo medico se pensi di averne uno.

Occasionalmente l’area che circonda un coagulo si infetta (nel qual caso potresti avere febbre o brividi), e dovrai essere trattata immediatamente con antibiotici. Chiama anche subito il tuo medico se una delle tue gambe diventa significativamente gonfia o ha piaghe, o la pelle vicino alle vene cambia colore. Questi sintomi indicano un problema di circolazione più serio.

vene varicose mamma
vene varicose mamma

La trombosi

Non confondere la trombosi venosa superficiale con una condizione grave chiamata trombosi venosa profonda (TVP), in cui i coaguli si sviluppano nelle vene profonde, di solito nelle gambe. La gravidanza ti rende più suscettibile alla TVP, che tu abbia o meno vene varicose, ma non è comune. La tua possibilità di averla durante la gravidanza o nelle settimane dopo il parto è di circa 1 su 1.000. Le donne con disordini della coagulazione del sangue o con un prolungato riposo a letto sono a maggior rischio.

Se sviluppi la TVP, puoi non avere sintomi o avere un improvviso e doloroso gonfiore alla caviglia, alla gamba e alla coscia. Può fare più male quando il piede è flesso o quando si sta in piedi, e si può sviluppare anche una leggera febbre. Se noti uno di questi sintomi, chiama immediatamente il tuo medico. Se hai uno di questi coaguli, dovrai essere ricoverata e trattato con farmaci per fluidificare il sangue. Se non trattato, il coagulo potrebbe staccarsi e raggiungere i polmoni, una condizione pericolosa per la vita chiamata embolia polmonare.

I segni di un’embolia polmonare includono respiro corto, respirazione dolorosa, tosse (o tosse con sangue), una sensazione di panico e un battito cardiaco rapido – e dovrebbero richiedere una chiamata al 118.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli