Commozione cerebrale nel bambino: ecco come riconoscerla

Commozione cerebrale bambino
Commozione cerebrale bambino

Come capire se il bambino ha una commozione cerebrale? Come genitori, sappiamo che inevitabilmente ci troveremo in situazioni in cui dovremo stare a guardare mentre il nostro bambino sperimenta un disagio, un dolore o una sofferenza di qualche tipo. Può trattarsi di una cosa di poco conto, come la caduta di un bambino dalla bicicletta mentre impara a stare fermo. Oppure può essere grave come un colpo alla testa, una commozione cerebrale su un campo da gioco o un grave incidente d’auto.

Un timore comune a tutti i genitori è che nostro figlio possa subire un infortunio e che noi ci sentiamo impotenti nel tentativo di confortarlo e alleviare il suo dolore.

Che cos’è una commozione cerebrale?

La commozione cerebrale, nota anche come lesione cerebrale traumatica lieve, è definita dal Brain Injury Research Institute come un urto, un colpo o una scossa alla testa o al corpo che provoca un rapido movimento del cervello all’interno del cranio. Un meccanismo significativo di lesione induce forze biomeccaniche che si trasmettono alla testa, provocando un’accelerazione e una decelerazione del cervello.

Quando si verifica una commozione cerebrale, non vi è alcuna anomalia strutturale o anatomica. Al contrario, cambia il funzionamento del cervello. Pertanto, i medici non possono vedere o diagnosticare una commozione cerebrale con immagini come la risonanza magnetica o la TAC.

Quali sono i sintomi di una commozione cerebrale nel bambino?

Per diagnosticare una commozione cerebrale è sufficiente un solo sintomo che segue di poco la lesione stessa. Si tratta di una diagnosi puramente clinica basata su sintomi o segni. Gli operatori sanitari utilizzano vari strumenti di valutazione e questionari per monitorare oggettivamente i sintomi e la loro progressione. Ecco un elenco dei sintomi che il bambino può manifestare in caso di commozione cerebrale:

  • Fisici – mal di testa, pressione alla testa, dolore al collo, nausea o vomito, vertigini, problemi di vista, problemi di equilibrio.

  • Cognitivi – confusione, sensibilità alla luce o al rumore, sensazione di rallentamento o annebbiamento, difficoltà di concentrazione, problemi di memoria.

  • Emotivi – sensibilità, emotività, irritabilità, tristezza, nervosismo o ansia.

  • Sonno – stanchezza, scarsa energia, sonnolenza, difficoltà ad addormentarsi, dormire più del solito, dormire meno del normale.

Commozione cerebrale bambino sintomi
Commozione cerebrale bambino sintomi

Quanto dura il recupero?

Dopo un breve periodo di riposo durante la fase acuta (24-48 ore) dopo l’infortunio, il bambino deve essere incoraggiato a diventare gradualmente e progressivamente più attivo, rimanendo al di sotto della soglia di esacerbazione dei sintomi. In sostanza, il livello di attività non deve provocare o peggiorare i sintomi. A questo punto, il paziente dovrebbe essere libero dai sintomi e tornare alle sue attività quotidiane.

Se i sintomi persistono oltre i 10-14 giorni, si raccomanda una valutazione e una gestione professionale. Ricordate inoltre che la guarigione sintomatica non indica necessariamente la guarigione del cervello. Nella maggior parte dei casi, i sintomi scompaiono entro 1-2 settimane, ma il recupero del cervello a un livello sicuro può richiedere 3-6 settimane. Con una corretta gestione della commozione cerebrale, il recupero completo è determinato da una serie di esami completi.

LEGGI ANCHE: