Competizioni tra bambini: i pro e i contro

·4 minuto per la lettura
competizioni tra bambini
competizioni tra bambini

Le competizioni tra bambini possono avere dei vantaggi, così come dei lati negativi su cui riflettere attentamente. “Giochiamo di nuovo così questa volta posso batterti”, dice vostro figlio quando catturate la sua ultima pedina. Accettate di giocare di nuovo, chiedendovi segretamente se i vostri sforzi per aiutarlo ad avere successo siano andati troppo oltre. La sua abilità migliora a ogni partita, ma è troppo ossessionato dal battervi per notarlo.

Come potete insegnare a vostro figlio la differenza tra avere successo ed essere spinti a vincere a tutti i costi? Ecco come riconoscere i benefici e gli svantaggi della competizione e come evitare che la voglia di vincere di vostro figlio sfugga di mano. Con queste tecniche, potete anche insegnargli ad adottare un atteggiamento sportivo che gli servirà in futuro.

Cosa impara il bambino dalla competizione?

È impossibile proteggere i vostri figli dalle situazioni di competizione, e probabilmente non volete farlo comunque. Il vostro bambino può imparare alcune preziose lezioni da una sana competizione che gli serviranno quando sarà più grande. Ecco alcuni aspetti positivi:

L’importanza di giocare secondo le regole. I bambini di cinque anni stanno appena iniziando a capire che le regole sono la base di qualsiasi gioco. Quando ognuno inventa le proprie regole, nessuno può giocare insieme e il gioco non è piacevole. Prima il bambino impara questa lezione, più si divertirà a giocare con gli altri bambini quando sarà più grande.

Come essere un buon vincitore e un buon perdente. Un buon vincitore sa che non deve dire “Ha-Ha, ti ho battuto”. D’altra parte, un buon perdente sa che non deve tenere il broncio. Non solo questa è una lezione cruciale da imparare per vostro figlio, ma è anche importante che la impari presto nella vita. I bambini di sei anni possono essere in grado di cavarsela con i loro scatti d’ira quando perdono, ma i sedicenni che si arrabbiano sono raramente tollerati. Più vostro figlio diventa grande, più è difficile fare marcia indietro e insegnargli a essere un buon perdente.

Il valore di dare il meglio di sé. “Non è importante se si vince o si perde, ma come si gioca la partita”. L’avrete sentito un milione di volte perché è vero. Un perdente può sentirsi bene con i suoi sforzi perché ha fatto del suo meglio. Inoltre, un vincitore può guardare indietro al gioco e rendersi conto che la sua vittoria sarebbe stata impossibile senza quella spinta extra alla fine. Più vostro figlio è esposto a situazioni di sfida, più chiaro diventerà questo concetto.

Come sapere quando la competizione sfugge di mano?

Anche se possono essere preziose opportunità di apprendimento, le situazioni competitive possono facilmente sfuggire al controllo. Supponiamo che vostro figlio stia giocando con i suoi amici. Se le regole continuano a cambiare, e alcuni bambini imbrogliano mentre altri abbandonano e si rifiutano di giocare, è il momento di fare una pausa. Potreste suggerire ai bambini di lavorare insieme su un puzzle o di fare un gioco in cui tutti vincono.

competizioni tra bambini consigli
competizioni tra bambini consigli

Quali sono i pericoli dell’essere troppo competitivi?

Quando i bambini sono troppo concentrati sulla vittoria, possono iniziare a valutarsi in base a quante vittorie ottengono. Anche se vincono il 90% delle volte, non saranno mai soddisfatti. Tutto ciò è devastante per una persona, in quanto è sempre su un tapis roulant alla ricerca della prossima vittoria. Una ragione in più per stroncare sul nascere le competizioni tra bambini eccessive.

Come capire se il bambino è troppo competitivo?

Quando le competizioni tra bambini sono serie, faranno di tutto per evitare di perdere. Vostro figlio può barare, mentire o cambiare le regole di un gioco per vincere. Inoltre, non proverà un nuovo gioco o una nuova attività a meno che non pensi di essere bravo a farlo.

Se vostro figlio deve vincere sempre, cercate di scoprire perché e parlatene con lui. Ha paura che se perde non piacerà a nessuno? Sta cercando di imitare un fratello maggiore e c’è una rivalità tra loro? Aiutatelo a mettere le cose in prospettiva. Qualche perdita non significa che sia un fallimento nella vita. Cercate di sottolineare alcuni dei suoi successi e ricordategli che nessuno può essere bravo in tutto.

Se vostro figlio è profondamente turbato da ogni perdita, non abbiate paura di cercare un aiuto professionale.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli