Congiuntivite da allergia nei più piccoli: cosa fare

·3 minuto per la lettura
congiuntivite da allergia
congiuntivite da allergia

Le congiuntiviti sono le più comuni affezioni oculari. Sono caratterizzate da gonfiore palpebrale, arrossamento, a volte, lacrimazione, sensazione di sabbia nell’occhio. Possono presentare più comunemente una causa allergica, virale o batterica. Congiuntivite allergica nei bambini: sintomi e rimedi.

Congiuntivite allergica nei bambini

La congiuntivite allergica è l’infiammazione della congiuntiva, cioè della mucosa che riveste la superficie esterna delle palpebre e la parte anteriore del bulbo oculare, causata da un’allergia a una determinata sostanza, detta allergene.

Il termine congiuntivite allergica viene spesso usato per indicare almeno quattro diversi tipi di malattia allergica oculare:

  • congiuntivite allergica, quella cioè legata a sensibilizzazione allergica;

  • cheratocongiuntivite primaverile;

  • cheratocongiuntivite atopica, associata a dermatite atopica di una certa gravità;

  • congiuntivite papillare gigante, legata all’uso di lenti a contatto o protesi oculari.

Le ultime due forme non riconoscono una causa allergica, ma causano sintomi e segni oculari simili a quelli della congiuntivite allergica, con la quale spesso vengono confuse.

I sintomi della congiuntivite allergica

I sintomi principali della congiuntivite allergica sono: prurito agli occhi, arrossamento, lacrimazione aumentata, bruciore e secrezione acquosa. Dal momento che di solito la congiuntivite allergica compare simultaneamente alla rinite allergica, sono presenti anche i sintomi di quest’ultima. Nelle forme stagionali i sintomi abitualmente durano dalle quattro alle sei settimane, cioè la durata della maggior parte delle stagioni polliniche, si ripetono ogni anno nello stesso periodo, con un’intensità che varia a seconda degli anni, ma spesso per tutta la vita. Quando invece l’allergene può essere identificato ed evitato (per esempio il pelo di gatto), i sintomi di solito cessano.

Le cause della congiuntivite allergica

Nelle forme stagionali la causa di gran lunga più frequente è l’allergia a pollini, per cui molto spesso si associa anche una rinite allergica. Inoltre, è da ricordare il fatto che esistono forme stagionali di congiuntivite (congiuntivite primaverile o invernali), clinicamente simili alla congiuntivite allergica, la cui causa non è di fatto un’allergia, e che si caratterizzano per una generica ipersensibilità alla luce.

Per i casi non stagionali, possono essere in causa l’allergia al gatto o al pelo di altri animali, meno frequentemente altri allergeni ambientali.

Cosa fare in caso di congiuntivite da allergia

Nelle forme stagionali da pollini, è importante cercare di evitare il più possibile il contatto degli occhi col polline per il periodo a rischio, che varia ovviamente a seconda del tipo di polline cui si è allergici. Per cui, è importante:

  • far fare spesso la doccia o il bagno ai bambini, lavando i capelli ogni giorno e spazzolarli con energia, in quanto il polline spesso rimane intrappolato tra i capelli;

  • viaggiare in auto preferibilmente con i finestrini chiusi;

  • tenere le finestre chiuse in casa, meglio aprile nelle ore notturne;

  • cercare di ridurre il tempo trascorso all’aperto, soprattutto nelle giornate ventose, con sole e tempo secco;

  • se il bambino ha prurito e lacrimazione agli occhi, è importante lavargli la faccia e le palpebre per rimuovere il polline.

Nelle forme non stagionali, invece, è importante attuare tutte le precauzioni per evitare il contatto con l’allergene responsabile.

Inoltre, i sintomi vengono tenuti sotto controllo con colliri antistaminici o che bloccano il processo che porta alla liberazione di istamina, responsabile dei sintomi oculari. Sarà il pediatra ovviamente a istruire i genitori su come e quando somministrarli. In alcuni casi può essere necessario ricorrere, sempre su indicazione del pediatra e/o dello specialista oculista, a brevi cicli di colliri cortisonici.