Conosciamo meglio Sally Buzbee, la prima donna a dirigere il Washington Post in 143 anni

·3 minuto per la lettura
Photo credit: Getty Images
Photo credit: Getty Images

Nei 143 anni della fondazione di The Washington Post ci sono state molte donne vice direttrici ma mai nessuna direttrice. La capostipite sarà Sally Buzbee, 55 anni, già direttrice di Associated Press, l'agenzia di stampa di cui era vicepresidente, con un'esperienza nel giornalismo lunga più di trent'anni trascorsi come corrispondente dall'estero e tra i corridoi della Casa Bianca.

Sally Buzbee è simbolo di un giornalismo coraggioso, come ha detto l'editore e CEO Fred Ryan, incaricato dell'annuncio allo staff: "Abbiamo cercato un leader audace in grado di gestire la nostra redazione dinamica e gli uffici in tutto il mondo... Abbiamo cercato attentamente qualcuno che condividesse i nostri valori di diversità e inclusione e che si impegnasse a dare loro la priorità nella nostra copertura giornalistica, nonché nelle nostre assunzioni e promozioni". Il profilo della nuova direttrice di The Washington Post è quello di una professionista con riconoscimento mondiale, specializzata in giornalismo politico e investigativo, leader capace di essere stimolante e stimolata.

Questo contenuto non è disponibile a causa delle tue preferenze per la privacy.
Per visualizzarlo, aggiorna qui le impostazioni.

Chi è Sally Buzbee?

La sua carriera comincia verso la fine degli Anni 80, dopo la laurea all'Università del Kansas, come reporter di Associated Press in Kansas. Con la stessa agenzia lavora poi a Los Angeles, San Diego e Washington e passa al montaggio nel 1996 come assistente capo ufficio a Washington. Nel frattempo si dedicata ad approfondire il suo percorso di studi conseguendo un MBA presso la Georgetown University. A partire dal 2004, diventa redattrice regionale per il Medio Oriente di Associated Press al Cairo, e supervisiona la copertura della guerra in Iraq.

L'esperienza in zone di conflitto non è l'unico asso nella manica di Buzbee che la sa lunga anche in fatto di politica statunitense: negli Anni 90 è assistente capo dell'ufficio per le notizie di Associated Press, supervisionando gli affari esteri e la sicurezza nazionale. Dal 2010 al 2016 diventa capo dell'ufficio di Washington di Associated Press dove copre le elezioni presidenziali del 2012 e del 2016, e negli anni segue da vicino Congresso, Casa Bianca e agenzie federali. Oltre a un curriculum chilometrico, che fa davvero impallidire chiunque, Sally Buzbee è madre di due figlie Emma, 21 anni, e Margaret, 20, avute insieme al marito John Buzbee, ufficiale dei servizi esteri e specialista del Medio Oriente al Dipartimento di Stato, venuto a mancare nel 2016.

Questo contenuto non è disponibile a causa delle tue preferenze per la privacy.
Per visualizzarlo, aggiorna qui le impostazioni.

In occasione della sua nomina, che sarà effettiva dal prossimo mese e la metterà a guida di quasi 1.000 persone, Sally Buzbee ha parlato di diversità e inclusione: "Sono sempre stata consapevole, nella mia carriera e nella mia vita, di come chi è venuto prima di me abbia spianato la strada. Sono incredibilmente grata per tutto questo. Sono anche consapevole del fatto che non possiamo mai fermarci sulla questione della diversità. La mia sensazione è che, non importa quanti progressi abbiamo fatto, non è mai abbastanza".

Sfide importanti attendono la prima direttrice del Washington Post, che è stata anche la prima nomina a direttore presa dal giornale insieme a Jeff Bezos, il fondatore di Amazon che possiede The Washington Post dal 2013. Sotto la direzione di Buzbee The Washington Post si espanderà aprendo nuove sedi a Londra, Seul, Sidney e Bogotà, portando a 26 il totale degli uffici di corrispondenza estera e ampliando la sua capacità di copertura da tutto il mondo 24 ore su 24.