Consigli per la mamme alla prima esperienza: cosa fare e cosa evitare

Mamma alla prima esperienza
Mamma alla prima esperienza

Essere una mamma alla prima esperienza è difficile, meraviglioso e tanto altro ancora. Questi piccoli suggerimenti vi faranno capire in che modo comportarvi durante questo percorso.

Mamma alla prima esperienza: cose da fare e da evitare

Sappiate che la maternità è piena di momenti duri

Non importa quanto ci si prepari o si pianifichi, le cose non andranno esattamente come si pensa. Preparatevi ad affrontare l’esatto contrario di ciò che i vostri piani genitoriali prevedono per la prima settimana, il primo mese e il primo anno. Se giurate che non farete mai dormire il bambino con voi, la legge di Murphy prevede che tra due o cinque anni vi ritroverete a discutere con il vostro partner su come diavolo far uscire il bambino dal vostro letto. L’universo prenderà i vostri piani e li farà cadere ai vostri piedi, frantumati e dispersi.

Non prendete tutto troppo sul serio

Tutti i colpi duri che vi aspettano significano che dovete imparare a sopportare i colpi. È essenziale per la vostra sopravvivenza. Sfortunatamente, le carte sono un po’ impilate contro di voi perché le neomamme sono stanche e sopraffatte e, se vogliamo parlare onestamente di questo, forse un po’ troppo sensibili. Non è colpa vostra, è colpa degli ormoni.

Alcuni scossoni saranno piuttosto devastanti. Se vi eravate prefissate l’allattamento al seno e non sta funzionando, non potete riderci sopra. È un grosso problema, lo capisco. Meritate un po’ di tempo per piangere questa perdita.

Mamma alla prima esperienza consigli
Mamma alla prima esperienza consigli

Fidatevi del vostro istinto

Potreste sentirvi poco qualificate come neomamme, ma non lo siete. Siete state letteralmente progettate per essere le mamme del vostro bambino. Se qualcosa vi sembra strano, probabilmente è così. Seguite il vostro istinto.

Da neomamma riceverete tantissimi consigli sui genitori. Alcuni saranno utili, altri saranno completamente inutili. Cercate di capire cosa vi suggerisce il vostro istinto. Alcune fonti (ad esempio, il vostro pediatra) vi offriranno consigli e rassicurazioni salvavita. Per fortuna, anche il bambino cercherà di darvi dei piccoli segnali particolarmente utili.

Non prendetevela con voi stesse

Se avete avuto una giornata storta – e lo farete – lasciatela fuori dalla porta quando andate a letto. Se tutti sono vivi, nutriti e relativamente puliti, consideratela una vittoria e non lasciate che la paura/il rancore/la rabbia monopolizzino ulteriormente il vostro umore. Soprattutto, lasciate andare il senso di colpa che vi attanaglia per qualsiasi cosa.

Alcune delle migliori parole di saggezza che abbia mai sentito sono queste: trattate voi stesse come trattate gli altri.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli