Contagi, quando ci sarà il picco: i calcoli dell'esperto. La nuova previsione

Primo Piano
·1 minuto per la lettura
Contagi, quando ci sarà il picco: i calcoli dell'esperto. La nuova previsione (Getty Images)
Contagi, quando ci sarà il picco: i calcoli dell'esperto. La nuova previsione (Getty Images)

Nel caso in cui dovesse proseguire il rallentamento della curva epidemica osservato da fine ottobre si potrebbe raggiungere il picco all'inizio di dicembre, dopodiché si assisterebbe ad un graduale rallentamento: è quanto emerge dai calcoli eseguiti dal fisico Roberto Battiston, dell'Università di Trento, tenendo conto degli effetti delle misure introdotte con gli ultimi Dpcm.

GUARDA ANCHE - Gli effetti collaterali di chi ha avuto il Covid

"Usando i dati disponibili per calcolare il tasso di crescita - ha detto Battiston -possiamo estrapolare l'andamento del totale del numero degli infetti attivi nel corso delle prossime settimane. Se l'attuale tendenza di riduzione del tasso di crescita si mantiene, e il Dpcm degli inizi di novembre dovrebbe contribuire in tal senso, si prevede che a livello nazionale si raggiunga il picco agli inizi di dicembre per poi iniziare a scendere”.

Per Battiston "una crescita esponenziale come quella di ottobre non si sarebbe potuta gestire a lungo" e le misure previste nei due Dpcm di ottobre, fortunatamente, sembrano avere ottenuto l'effetto di invertire l'andamento del tasso di crescita", mentre gli effetti dell'ultimo Dpcm si vedranno a partire dal 14-15 novembre.

GUARDA ANCHE - L’ultimo messaggio del 28enne morto di Covid

“Lla crescita di un processo di contagio - ha detto il fisico - assomiglia al lancio di un razzo, fino a che i motori spingono il razzo accelera. Se si spengono i motori per un po' il razzo continua a salire fino a fermarsi per poi tornare indietro". Se la crescita dei casi fosse continuata allo stesso ritmo attualmente i casi sarebbero già arrivati a 1,3 milioni.