Coordinamento delle associazioni delle persone con Sindrome di Down vs GF Vip

·2 minuto per la lettura
coordown grande fratello vip
coordown grande fratello vip

Il CoorDown, dopo l’appello lanciato qualche giorno fa, è tornato a scagliarsi contro il Grande Fratello Vip. Considerando che il primo messaggio è passato del tutto inascoltato, il Coordinamento delle associazioni delle persone con Sindrome di Down prova ancora una volta a chiedere un provvedimento disciplinare.

CoorDown contro Grande Fratello Vip

Il Grande Fratello Vip finisce ancora una volta nella bufera. Questa volta, a sollevare un polverone degno di nota è il CoorDown, Coordinamento delle associazioni delle persone con Sindrome di Down, L’associazione, già prima della scorsa puntata, aveva chiesto un provvedimento disciplinare nei confronti di Selvaggia Roma. Quest’ultima, parlando con Pierpaolo Pretelli, ha utilizzato il termine “mongoloide” in modo dispregiativo. L’appello del CoorDown, però, è stato ignorato. Per questo motivo, il Coordinamento è tornato a parlare, chiedendo giustizia alla produzione del Grande Fratello Vip. Sul profilo Facebook dell’associazione si legge:

“Chiediamo una risposta al Grande Fratello Vip dopo gli insulti verso le persone con Sindrome di Down. Fermare la discriminazione verso la disabilità non è una battaglia di serie b. CoorDown chiede l’espulsione per la concorrente Selvaggia Roma. Provate a dire in tv la parola ‘neg**’. Provate a usare ‘froc**’ e ‘chec**’. Provate a dire ‘ebreo’ con l’obiettivo di offendere. Provate a fare un commento sessista. Vi si scaglierà addosso la stampa tutta e i più impegnati attivisti della rete. Dite ‘mongoloide’ o qualsiasi altra parola della disabilità per offendere, e non accadrà proprio nulla”.

Il CoorDown è giustamente indignato per quanto andato in scena al Grande Fratello Vip. Selvaggia, infatti, ha utilizzato il termine “mongoloide” per ben due volte, con volontà spregiativa e offensiva verso le persone con sindrome di Down”.

La richiesta del Coordinamento, pertanto, è molto chiara: la squalifica della Roma. Così come successo per gli episodi di razzismo, omofobia e blasfemia, anche in questa occasione il GF Vip deve prendere un provvedimento. Solo così, infatti, si condanna il pregiudizio e la discriminazione verso la disabilità.