Cori e applausi al funerale del padre di Deborah: "Lorè, sei un grande"

HuffPost

Lunghi applausi e urla “Lorenzo sei un grande” hanno accompagnato l’uscita del feretro di Lorenzo Sciacquatori, ucciso dalla figlia Deborah domenica a Monterotondo per difendersi dall’ennesima aggressione, al termine del funerale.


Amici e parenti in lacrime, tra loro anche i fratelli della vittima, hanno aspettato che il carro funebre partisse al termine della messa. “Misericordioso è chi ha il cuore grande e il coraggio di perdonare davvero”, ha detto il parroco durante l’omelia in una chiesa piena. 

L’anziana madre di Sciacquatori, accompagnata dal nipote, sulla sedia a rotelle e ormai cieca, dopo un ictus che l’ha colpita tempo fa, durante i funerali ha abbracciato e baciato il feretro in lacrime.

“Lorenzo non era un mostro, ha sbagliato solo perché esagerava con l’alcol”, ha detto un conoscente intercettato da Adnkronos fuori alla chiesa dove si è svolta la funzione religiosa. “Non era così violento, è la stampa che ha montato tutto”. 

Leggi anche...

Continua a leggere su HuffPost