Coronavirus, in Cina altri 150 morti e 409 nuovi casi

webinfo@adnkronos.com

Il nuovo coronavirus continua a fare vittime in Cina, dove non si fermano i contagi. La Commissione nazionale per la salute ha confermato che ieri sono morte altre 150 persone (149 nella provincia di Hubei e una in quella di Hainan) e si sono registrati 409 nuovi casi. Nella sola Hubei, focolaio dell'epidemia, sono stati 398 i nuovi contagi.  

In tutto nel gigante asiatico sono 77.152 i casi di infezione (64.287 nella regione di Hubei) e l'ultimo bilancio ufficiale parla di 2.592 morti. Nella città di Wuhan, i dati diffusi nelle ultime ore e aggiornati a ieri parlano di 348 nuovi casi confermati e 131 vittime. In totale nella città sono 46.607 i contagi confermati e 1.987 i morti. Nella provincia di Hubei, hanno reso noto le autorità cinesi, 1.439 pazienti sono stati dimessi dagli ospedali perché guariti e in tutto nella regione sono 16.738 le guarigioni. 

La città cinese di Wuhan, dove si è inizialmente manifestato il nuovo coronavirus, resta 'isolata': c'è infatti un dietrofront dopo la notizia sull'allentamento per le misure di emergenza imposte per contenere la diffusione dell'epidemia. "Wuhan ritira l'annuncio di esenzione dal blocco - si legge in un tweet del Global Times - E' stato diffuso prima dell'approvazione finale da parte dell'ufficio di comando per il controllo dell'epidemia". Wuhan, città con più di 11 milioni di abitanti, è 'isolata' dal 23 gennaio, da quando alla popolazione è stato vietato uscire dall'area nel tentativo di contenere la diffusione del nuovo coronavirus. Oggi il Global Times, aveva riferito che le autorità locali avevano autorizzato le persone sinora "bloccate" che "non sono sotto sorveglianza medica o in quarantena" a lasciare la città.  

Le autorità cinesi allentano le misure di emergenza imposte nella città di Wuhan, nella provincia di Hubei, focolaio dell'epidemia. Secondo il Global Times, possono lasciare la città le persone sinora "bloccate" che "non sono sotto sorveglianza medica o in quarantena". La stessa fonte precisa che gli abitanti di Wuhan possono "uscire" dall'area, "se non contagiati da virus, per operazioni urgenti in altre città". 

COREA DEL SUD - Continua a salire il numero dei contagiati in Corea del Sud a causa del nuovo coronavirus. Gli ultimi dati diffusi dal Centro per il controllo e la prevenzione delle malattie (Kcdc) parlano di un totale di 833 casi confermati di contagio, 231 in più rispetto a ieri quando nel Paese è stato decretato l'allarme rosso a causa dell'epidemia che in Corea del Sud ha fatto 7 morti. 

COREA DEL NORD- La Corea del Nord avrebbe messo in quarantena 380 stranieri. Lo riporta l'agenzia sudcoreana Yonhap. Dalla Corea del Nord non sono sinora arrivate notizie di contagi. "Finora in tutto il Paese sono stati messi in quarantena circa 380 stranieri e sono state rafforzate le misure di isolamento e controllo medico sulle persone rientrate da viaggi all'estero, su chi è entrato in contatto con loro e su chi mostra sintomi anomali", ha riferito la Yonhap citando la Korean Central Broadcasting Station. Non ci sono dettagli sulle identità dei 380 stranieri, ma secondo l'agenzia sudcoreana tra loro ci sarebbero diplomatici stranieri a Pyongyang. Inoltre, stando alle notizie diffuse dalla Yonhap, circa 3.000 persone che hanno manifestato sintomi sospetti vengono "monitorate" nella provincia del Pyongan Settentrionale, vicino alla Cina. 

IRAN - Sarebbero circa 50 i morti a causa del nuovo coronavirus solo nella città iraniana di Qom. Lo riporta la tv satellitare al-Arabiya rilanciando una notizia dell'agenzia semi-ufficiale iraniana Ilna che cita un deputato di Qom, Ahmad Amirabadi Farahani, critico nei confronti delle autorità. "Circa 50 persone sono morte a causa del coronavirus", ha detto Amirabadi Farahani, parlando di dati aggiornati alla notte scorsa e sostenendo che ogni giorno a Qom muoiano dieci persone. La città, ha denunciato, è in uno "stato critico e il governo non è riuscito a controllare la diffusione del coronavirus".Gli ultimi dati confermati ufficialmente dalle autorità della Repubblica Islamica parlano invece di 12 morti e 64 casi confermati. L'Iran "ha risorse sanitarie a sufficienza per la battaglia contro il nuovo coronavirus", ha sostenuto stamani il ministro della Salute, Saeed Namaki. 

KUWAIT - Primi tre casi di contagio in Kuwait. La notizia è stata confermata dalle autorità sanitarie locali, come riporta l'agenzia ufficiale Kuna. Si tratterebbe di persone che erano state in Iran. Secondo quanto confermato dal ministero della Salute del Kuwait, le tre persone sono rientrate nel Paese del Golfo dalla città iraniana di Mashhad. Una delle tre persone è un cittadino saudita. 

BAHREIN - Primo caso anche in Bahrein. Secondo il ministero della Salute di Manama, si tratta di un cittadino del Bahrein che è tornato nel Paese dall'Iran. Lo riferisce l'agenzia ufficiale Bna. 

AFGHANISTAN - Il nuovo coronavirus arriva anche in Afghanistan. Il ministero della Salute di Kabul ha confermato il primo caso nella provincia occidentale di Herat, che confina con l'Iran. Il ministro Firuzuddin Firuz ha dichiarato l'emergenza nella provincia dove ieri erano stati segnalati tre casi sospetti e ha invitato gli afghani a evitare gli spostamenti da e per Herat. L'Afghanistan, martoriato da decenni di guerre, ha anche temporaneamente chiuso il confine con l'Iran.