Coronavirus, Ferragni e Fedez donano 100mila euro al San Raffaele

Fedez e Chiara Ferragni (Photo by John Shearer/Getty Images)

Attraverso una donazione personale di 100mila euro, Chiara Ferragni e Fedez danno il via sulla piattaforma Gofundme a una campagna a sostegno della raccolta fondi destinata alla creazione di nuovi posti letto all'interno dell'Ospedale San Raffaele di Milano, ora più che mai indispensabili per affrontare l'emergenza sanitaria del coronavirus.

L'iniziativa, realizzata grazie anche alla collaborazione del professor Alberto Zangrillo, primario di terapia intensiva cardiovascolare e generale dell'ospedale San Raffaele, andrà in supporto alla terapia intensiva. Gli ammalati con insufficienza respiratoria causata da Covid-19 occupano questi reparti che risultano altamente insufficienti a fronteggiare la crisi. Un letto di terapia intensiva ha un costo nettamente superiore rispetto a un letto di degenza normale. È necessario un monitor che rilevi le funzioni vitali del paziente, un ventilatore che assista la respirazione del malato e una serie di pompe infusionali per liquidi e farmaci.

Coronavirus: vittime, contagi e tutti gli ultimi aggiornamenti

Lo scopo di Chiara Ferragni e Fedez è quello di incentivare chiunque a dare un aiuto concreto a tutto lo staff dell'Ospedale San Raffaele. Accedendo direttamente alla campagna "Coronavirus, rafforziamo la terapia intensiva" sul sito Gofundme sarà possibile effettuare una donazione minima di 5 euro; i fondi totali raccolti saranno direttamente devoluti all'ospedale.

VIDEO - Coronavirus, l’appello social di Fiorello

"Speriamo che questa nostra iniziativa sensibilizzi le persone in Italia e all'estero, sull'emergenza coronavirus nella quale siamo tutti coinvolti", spiegano i Ferragnez.

"È un contributo concreto che apprezziamo moltissimo e che speriamo sia di esempio per molti. Noi continuiamo la nostra battaglia, che vinceremo, contro questa emergenza straordinaria, dove le terapie intensive rappresentano l'unica possibilità di guarigione per i pazienti più gravi" dichiara il professor Alberto Zangrillo.