Coronavirus in Italia, nuovo studio sui pazienti con gravi danni al cuore: i risultati

·1 minuto per la lettura
Covid-19 studio
Covid-19 studio

Oltre la metà pazienti ricoverati a causa del Covid-19 in ospedale hanno riportato danni al cuore causato dall’infezione. Questi dati sono emersi dopo uno studio condotto dai ricercatori del San Raffaele di Milano e in quello di Cremona pubblicato sull’European Journal of Clinical Investigation. La notizia è stata riportata anche dall’agenzia stampa Ansa.

Covid-19 e problemi al cuore, cosa dice lo studio

Lo studio ha evidenziato come più della metà delle persone ricoverate in ospedale a causa del Coronavirus abbia riscontrato un rischio di morte più alto. I dati presi in esame riguardano 750 pazienti ricoverati negli ospedali di Milano e Cremona e si rifanno a persone che sono state male nella prima ondata (febbraio-aprile 2020).

Covid-19 e problemi al cuore, cosa dice lo studio: altri dettagli

Il 52% dei malati aveva dei livelli anomali di troponina: si tratta di uno specifico enzima che indica una sofferenza di tipo cardiaco. Questi dati avrebbero dimostrato un rischio tre volte superiore di finire in terapia intensiva rispetto a chi invece aveva un cuore sano: quattro volte invece il rischio di morire nei tre mesi successivi al ricovero.

Covid-19 e problemi al cuore, cosa dice lo studio: i rischi

Emergono anche altri dettagli in relazione alle cure. “Lo studio ha inoltre osservato che essere in cura con i tradizionali farmaci usati nei pazienti con disturbi cardiaci o vascolari, come ACE-inibitori, sartani, calcio antagonisti, non aveva nessun effetto protettivo sul danno miocardico“, si legge sull’Ansa che riporta alcuni dati sullo studio. I ricercatori hanno offerto i numeri che supportano la misurazione della troponina cardiaca al momento del ricovero.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli