Coronavirus, l’epidemiologo: “I guanti non servono a nulla”

coronavirus guanti

Molte persone si stanno chiedendo se l’utilizzo dei guanti è in grado di prevenire il contagio da coronavirus. In realtà, come sostiene un epidemiologo, “I guanti non servono a nulla” e talvolta possono risultare “controproducenti”. “Le mani le posso lavare – sostiene infatti l’esperto -, i guanti o li butto ogni minuto oppure si insozzano e possono veicolare il contagio”.

Coronavirus, i guanti servono?

Nel suo intervento ad Agorà su Rai3 è l’epidemiologo Pier Luigi Lopalco parla chiaramente: “I guanti non servono a nulla, possono esse controproducenti”. Ciò che è bene fare di consueto e molto spesso, invece, è lavare le mani con acqua e sapone per almeno 20 secondi. In alternativa si possono utilizzare i disinfettanti per le mani.

“Le mascherine? – ha chiarito poi Lopalco – Servono a non contagiare gli altri, ma chi ha dei sintomi di malattie respiratorie deve restare a casa, non andare in giro. E mettersi una sciarpa sulla bocca quando siamo sul bus, ad esempio, serve a ben poco, perché poi mi attacco ai sostegni, mi stropiccio gli occhi con le mani e la frittata è fatta”.

Come sostiene infatti anche l’Organizzazione Mondiale della Sanità, l’utilizzo della mascherina è necessario se si presentano sintomi sospetti. Ma non basta: occorre affiancare tali precauzioni a una corretta igiene delle mani e alle altre indicazioni fornite dal Ministero della Salute. Se si presentano sintomatologie simil-influenzali è bene rimanere in casa per tutelare sé stessi e gli altri.