Coronavirus, molecola blocca la diffusione del virus nelle cellule

coronavirus-molecola

Un gruppo di ricercatori dell’Università di Lubecca ha individuato una molecola che potrebbe venire utilizzare per fermare la diffusione del coronavirus Sars-Cov-2. Analizzando il meccanismo di replicazione del virus, gli scienziati del Helmholtz-Zentrum Berlin für Materialien und Energie hanno infatti trovato un modo per inibire l’enzima che il coronavirus utilizza al fine di replicarsi all’interno delle cellule infette. Se confermata, questa scoperta potrebbe essere sfruttata per la produzione di nuovi farmaci.

Coronavirus, la molecola anti replicazione

Lo studio dei ricercatori tedeschi si è basato sulla riproduzione in 3D della cosiddetta proteasi, cioè un enzima che agisce per rompere i legami all’interno delle proteine. Nel caso dei virus, la proteasi viene adoperata per potersi replicare all’interno dell’organismo malato e un’eventuale inibizione dell’enzima responsabile potrebbe bloccare la diffusione dell’agente patogeno.

Per la precisione il team di ricerca, guidato dal virologo Rolf Hilgenfeld, ha ha decodificato la struttura della principale proteasi virale (Mpro o anche 3CLpro) del Sars-CoV-2, utilizzando una luce a raggi X ad alta intensità generata dal sincrotrone Bessy II dell’Helmholtz-Zentrum di Berlino. In questo modo gli scienziati hanno potuto individuare 13B, la molecola che inibisce l’enzima proteasi usato dal virus per replicarsi nelle cellule infette.

Lo studio tedesco è inoltre stato pubblicato sulla rivista Science senza embargo, vale a dire aperto a ogni contributo esterno come accade per tutte le ricerche che hanno anche che fare con il Covid-19.