Coronavirus, nuova cura italiana: si usa il plasma dei pazienti guariti

Coronavirus, nuova cura italiana: si usa il plasma dei pazienti guariti

Il plasma di pazienti guariti dalla Covid-19, con alti livelli di anticorpi, potrà essere usato per aiutare i pazienti gravi: è questo l'obiettivo del protocollo firmato da una serie di centri regionali, fra cui l'Asst (l'ex Asl, ndr) di Mantova, con capofila il Policlinico San Matteo di Pavia.

CORONAVIRUS: TUTTI GLI ARTICOLI E I VIDEO SULL’EMERGENZA

L'Unità di crisi dell'azienda socio assistenziale, infatti, ha dato il via libera al prelievo del plasma da alcuni pazienti guariti. Per le infusioni di plasma ai malati si attende il via libera dell'Istituto Superiore di Sanità (Iss).

VIDEO - I due farmaci della speranza

"La Regione Lombardia - ha sottolineato in una nota l'Asst - si sta adoperando per ridurre i tempi di approvazione finale del protocollo". Anche perché, ha ricordato Massimo Franchini, direttore del Servizio di Immunoematologia e Medicina Trasfusionale del Carlo Poma "l'Organizzazione Mondiale della Sanità ammette l'utilizzo del plasma da pazienti guariti per la cura dei malati. Il plasma prelevato contiene infatti alte concentrazioni di anticorpi in grado di distruggere il virus", una terapia "già impiegata ad esempio per Sars ed Ebola".

“IoRestoaCasa”: APPELLI E CONSIGLI PER AFFRONTARE L’EPIDEMIA

"Il progetto - ha aggiunto - è già in fase avanzata, si attende il nullaosta conclusivo per passare al trattamento dei primi casi".

VIDEO - Gli aiuti della croce rossa cinese all’Italia