Coronavirus, Oms: “Le persone guarite sono contagiose fino a 15 giorni”

coronavirus persone guarite contagiose

Tedros Adhanom Ghebreyesus, il direttore generale dell’Organizzazione mondiale della sanità (Oms), ha sottolineato che le persone guarite dal coronavirus sono contagiose fino a 15 giorni dopo. L’annuncio è arrivato nel corso di una conferenza stampa a Ginevra. Le misure di protezione e di isolamento, quindi, dovrebbero proseguire anche nel periodo successivo alle dimissioni dei pazienti.

Coronavirus, persone guarite sono contagiose

Arriva la conferma dal direttore dell’Oms: anche le persone guarite dal coronavirus sono contagiose fino a 15 giorni dopo. Nel discorso tenuto alla conferenza di Ginevra, Tedros ha voluto sottolineare come siano stati registrati “più casi e decessi nel resto del mondo che in Cina”. Sono oltre 200 mila i contagi registrati nel mondo mentre il bilancio delle vittime sfiora le 8 mila unità.

Tornando a ricordare e sottolineando l’importanza del lavaggio delle mani e della distanza di sicurezza, il direttore dell’Oms aggiunge anche che “da soli, non sono abbastanza per estinguere questa pandemia. È la combinazione che fa la differenza”. Occorre seguire le regole, le misure e le norme imposte dai governi: l’Italia è diventata un modello da seguire in Europa in questo senso.

“Non puoi combattere un fuoco con gli occhi bendati – ha aggiunto ancora Tedros -. E non possiamo fermare questa pandemia se non sappiamo chi è infetto“. La quarantena è necessaria e utile in molti casi, anche solo sospetti. Infine, ha concluso: “Abbiamo un semplice messaggio per tutti i paesi: test, test, test – he detto Ghebreyesus -. E, se risultano positivi, isolali e scoprire con chi sono stati in stretto contatto fino a 2 giorni prima che sviluppassero i sintomi”.