Coronavirus, "potrebbe aver circolato per anni": lo studio

Pneumonia coronavirus

Potrebbe aver circolato negli umani per anni prima di sviluppare quelle caratteristiche genetiche che hanno portato alla drammatica pandemia di Covid-19: è questa l’ultima ipotesi sul virus SarsCoV2.

A dirlo è uno studio internazionale che sulla rivista Nature Medicine ha dimostrato come il nuovo coronavirus abbia un'origine naturale e non sia nato in laboratorio.

CORONAVIRUS, SEGUI LE ULTIME NOTIZIE IN TEMPO REALE

Il gruppo di ricerca è formato da esperti statunitensi, britannici e australiani coordinati dal centro californiano Scripps Research Institute.

VIDEO - Varese, medico al pianoforte

Secondo un primo scenario, l’ipotesi è che il virus si sia evoluto negli animali, ad esempio attraverso la ricombinazione dei coronavirus di pipistrelli e pangolini, per poi fare il salto di specie verso l'uomo. Questa teoria, supportata dal legame dei primi casi di Covid-19 con il mercato del pesce di Wuhan, non ha ancora trovato le prove definitive negli studi sugli animali: i pochi coronavirus di pipistrelli e pangolini analizzati finora, infatti, non sembrano essere così simili a SarsCoV2 da poter essere definiti come progenitori diretti.

LEGGI ANCHE - Partiti i test su 5 vaccini italiani

Secondo un secondo scenario, finora rimasto in secondo piano, il virus SarsCoV2 potrebbe essersi evoluto dopo aver circolato indisturbato per anni negli umani. "È possibile che il progenitore di SarsCoV2 abbia fatto il salto negli umani, acquisendo nuove caratteristiche genomiche mentre passava inosservato da una persona all'altra", scrivono i ricercatori. "Una volta acquisiti, questi adattamenti avrebbero permesso alla pandemia di decollare producendo un numero di casi sufficientemente grande".

VIDEO -”Non è il virus creato in laboratorio”