Coronavirus, ultime news sul covid in Italia e nel mondo

webinfo@adnkronos.com
·8 minuto per la lettura

Le ultime news sull'emergenza Coronavirus in Italia e all'estero. Il nuovo Dpcm 3 dicembre e le misure in vista di Natale, approvate ieri dal premier Conte. Zone rosse e arancioni, cosa cambia dopo i nuovi provvedimenti del governo. Le novità sui vaccini, i pareri degli esperti, i bollettini dei contagi.

ORE 11.48 - Il professore Fabrizio Pregliasco, virologo e consulente tecnico-scientifico del Pio Albergo Trivulzio, è "favorevole" alla proposta del governatore lombardo Attilio Fontana di consentire di spostamenti tra Comuni diversi nei giorni di Natale, Santo Stefano e il primo gennaio. "Non è facile venire incontro alle esigenze di tutti i cittadini e di situazioni molto particolari di famiglie che vivono in due Comuni diversi - ha detto il virologo a margine di una conferenza stampa al Pat per illustrare le ultime misure adottate -. Per cui, queste indicazioni di ordine generale diventano stringenti e impossibili. Ritengo che il presidente Fontana voglia portare all’attenzione nazionale quello che è stato il grosso lavoro di tutte le strutture sanitarie e di tutti i cittadini lombardi che stanno facendo vedere che le cose migliorano".

ORE 11.40 - "Da domenica 13 il Piemonte sarà in zona gialla". Ad annunciarlo il presidente della Regione, Alberto Cirio, che in occasione dell’inaugurazione di Green Pea ha precisato che oggi l’Rt del Piemonte "è sceso a 0.74".

ORE 11.28 - Covid e pandemia, davvero non si parla di altro in Italia? Stando a una recente ricerca, sembrerebbe proprio così. Negli ultimi tre mesi, infatti, la parola Covid è stata utilizzata oltre un milione e mezzo di volte dai mezzi di informazione italiani: una media di 16.231 citazioni al giorno, 11 al minuto. Una ogni 5 secondi e mezzo. I dati emergono dal monitoraggio condotto su oltre 1.500 media fra carta stampata (quotidiani nazionali, locali e periodici), siti di quotidiani, principali radio, tv e blog da Mediamonitor.it e Cedat 85.

ORE 11.27 - "Abbiamo concesso tanto alle regioni, abbiamo aggiunto ristori nuovi". Sono le parole di Francesco Boccia, ministro degli Affari Regionali, che si esprime così dopo il varo del Decreto Natale e del nuovo Dpcm, in vigore da oggi.

ORE 11.20 - "I decessi sono moltissimi, ma occorre dire che intanto è un carico che ci portiamo da 3-4 settimane". Così, sul numero record di morti causati dall'epidemia da Covid - soltanto ieri se ne sono contati 993 - risponde all'Adnkronos Salute Matteo Bassetti, direttore della Clinica di Malattie infettive dell'ospedale San Martino di Genova e componente dell'Unità di crisi Covid-19 della Liguria.

ORE 10.45 - ''Adesso serve un atto d’amore verso le persone a cui teniamo. Sarà un sacrificio da fare, lo so bene e lo faremo tutti, ma se trascorriamo le festività natalizie in sicurezza, da gennaio ci avvieremo verso una nuova fase evitando di affrontare una terza ondata e di dover piangere migliaia di vittime a causa del covid''. Lo scrive il ministro degli Esteri Luigi Di Maio su Facebook, a proposito delle restrizioni imposte dal governo per il periodo di Natale.

ORE 10.24 - Sì alla stretta sul Natale, voglia di linea dura contro chi viola la quarantena e non indossa la mascherina, ma anche la consapevolezza dell'aumento del divario fra ricchi e poveri e la 'scomparsa' di 5 milioni di lavoratori in nero. Questo quanto fotografato dal Censis nel 54esimo Rapporto sulla situazione sociale del Paese, nell'anno della pandemia di Covid-19.

ORE 10.15 - "Dobbiamo evitare la recrudescenza del virus all'inizio del prossimo anno. E i sacrifici degli italiani servono a questo. Abbiamo visto infatti che basta poco per ripiombare in situazioni pericolose, nei mesi estivi sono aumentati gli spostamenti e si è abbassata la soglia di attenzione e del rispetto delle regole e abbiamo pagato il prezzo. Ora nelle prossime settimane, dove con la pausa natalizia si riprendono le relazioni sociali, potrebbe essere un momento che ci rimette in difficoltà". Lo ha affermato il ministro della Salute Roberto Speranza, ospite della nona edizione dell’Healthcare Summit del Sole 24 Ore.

ORE 10.08 - "Bisogna iniziare a vedere se c’è un approccio omogeneo sul territorio italiano, perché questo numero è effettivamente più alto della media europea. Una riflessione va fatta senz’altro". Lo ha affermato Guido Rasi, ex direttore esecutivo dell'Agenzia europea del farmaco, ospite di 'Agorà' su RaiTre, in riferimento al numero di vittime causato dall'epidemia da Covid. Soltanto ieri sono stati 993 i morti su 23.225 contagi.

ORE 09.51 - "Ecco fatto: segregati in casa per tutte le feste, anziani abbandonati, turismo demolito, nazioni confinanti strapiene di sciatori, decessi fra i più alti del mondo, e lo saranno ancora per settimane. Tutto questo perché il Governo non è stato in grado di gestire la seconda ondata che loro stessi avevano previsto. Continuano a chiamarla emergenza, a quasi un anno dall’inizio della pandemia. Chiamiamola con il giusto nome: incompetenza". Così Guido Bertolaso, ex capo della Protezione Civile, commenta in un post su Facebook la situazione in Italia, all'indomani della firma del nuovo Dpcm con le misure anti-Covid.

ORE 09.53 - Resta alto il tasso di contagi da coronavirus in Russia, dove nelle ultime 24 ore sono stati registrati 27.403 nuovi casi, 6.868 solo a Mosca. Lo riferiscono le autorità sanitarie locali, aggiornando a 2.402.949 il totale dei contagiati dallo scoppio della pandemia.

ORE 09.42 - "La normalità è finita da quando è stato reso pubblico quale sarebbe stato il prezzo di vendita del vaccino (2,80 euro a dose, ndr). Da allora abbiamo cominciato a subire attacchi hacker professionali violentissimi, che si sono intensificati quando è stata resa pubblica la quantità di oltre tre miliardi di dosi che sarebbe stata prodotta. Ne abbiamo avuti sette molto pesanti". Lo denuncia in una intervista a 'La Repubblica' Piero Di Lorenzo, presidente e amministratore delegato dell'Irbm Pomezia, l'azienda che ha collaborato insieme all'università di Oxford alla messa a punto del vaccino anti-Covid prodotto e commercializzato su vasta scala da AstraZeneca.

ORE 09.09 - "Il motivo di tanti morti in Italia resta è un mistero. Una teoria è perché abbiamo una popolazione anziana, ma non basta. Solo Regno Unito e Spagna registrano simili perdite, mentre gli Stati Uniti sono più bassi e la Germania pure. La letalità del Covid non è drammatica rispetto ad altre malattie, ma se riferita agli anziani diventa devastante". Lo afferma Lorenzo Richiardi, 45 anni, professore ordinario di epidemiologia e statistica medica all'Università di Torino analizzando il record di 993 morti dall'inizio della pandemia in una intervista a 'La Stampa'.

ORE 09.00 - La Corea del Sud segnala 629 nuovi casi Covid-19, il dato più alto da quasi nove mesi. Lo riporta l'agenzia Yonhap, secondo cui la maggior parte dei nuovi contagi (600 di trasmissione locale e 29 'importati') si registra nella regione di Seul (291) e nella vicina provincia di Gyeonggi (155). Dall'inizio dell'emergenza sanitaria nel Paese sono 36.332 i contagi con 536 decessi, sette in più rispetto al bollettino di ieri della Korea Disease Control and Prevention Agency (Kdca).

ORE 08.58 - Sul nuovo Dpcm firmato ieri dal premier Conte con il divieto di spostamento fra comuni a Natale, "mi spiace constatare che anche questa volta non siamo riusciti a costruire un provvedimento con il governo". Luca Zaia, il presidente del Veneto, spera ancora "in un ripensamento in zona Cesarini" ma, in un'intervista al Corriere della Sera, non nasconde una certa delusione: "Pensavo che si sarebbe potuto lavorare insieme". E invece? "E invece la musica è stata la stessa di sempre: il governo ci convoca, arriva un testo preconfezionato, lo approvano. La nostra voce, non c'è".

08.42 - “Siamo entrati in una fase molto delicata del contrasto alla pandemia in cui si cerca di contemperare l'esigenza di non paralizzare una seconda volta le attività economiche con l’obiettivo, primario, di contenere la diffusione del virus”. Lo dice, in un’intervista a La Stampa, Luciana Lamorgese. Ieri la firma da parte del presidente Conte del nuovo Dpcm Natale, con le misure per evitare la terza ondata dell'epidemia da Covid. La ministra dell’Interno si concentra sull'aspetto dei controlli in vista dello shopping natalizio, aggiungendo: “Con i negozi aperti in tutte le Regioni, va da sé, soprattutto in prossimità del Natale, che la voglia di socialità degli italiani avrà il suo sfogo naturale nelle vie dello shopping. Per questo le forze di polizia continueranno a svolgere i controlli necessari con l'impegno e l'equilibrio di sempre: dal 1 ° settembre al 30 novembre, sono state controllate oltre sei milioni di persone e circa un milione di attività commerciali, con 50 mila sanzioni e quasi duemila denunce. Certo, a marzo, con il lockdown generalizzato, era più semplice controllare e sanzionare mentre oggi, con tutte le attività economiche aperte, spetta anche ai singoli cittadini assumere comportamenti per evitare assembramenti pericolosi”.

ORE 08.42 - La Germania registra 23.449 nuovi casi di Covid-19 che portano il totale a 1.130.238 contagi dall'inizio dell'emergenza sanitaria. Sono questi gli ultimi dati diffusi dall'Istituto Robert Koch. Nelle ultime 24 ore si sono registrati altri 432 decessi e il bilancio aggiornato è di 18.034 morti.