Cos'è il baby blues e come riconoscerlo

·4 minuto per la lettura
baby blues
baby blues

Cos’è il baby blues e come riconoscerlo? Ebbene, è molto comune sentirti triste e di malumore poco dopo il parto. Avere un bambino può essere sia esaltante che estenuante. Può portare molta gioia, ma può anche metterti alla prova in modi che non ti saresti mai aspettata. Puoi sentirti esausta, preoccupata, infelice o intrappolata, e ritrovarti a piangere per cose che di solito non ti disturbano.

Il tuo appetito può aumentare o diminuire e potresti non riuscire a dormire. Potresti anche essere irritabile, nervosa, preoccupata di essere una buona madre o temere che la maternità non sarà mai diversa da come è ora. Stai tranquilla: tutti questi sentimenti sono normali. Fino all’80 per cento delle nuove mamme sperimenta questo “baby blues”. Questo fenomeno di solito inizia a presentarsi entro due settimane, ma non sempre va via completamente.

Quali sono le cause del baby blues?

Il baby blues può essere innescato da cambiamenti fisici, fattori emotivi o entrambi. Dopo la nascita, il tuo corpo cambia rapidamente. I tuoi livelli ormonali calano, i tuoi seni possono ingrossarsi con l’arrivo del latte e molto probabilmente sarai esausta. Queste realtà fisiche da sole possono essere sufficienti a portare la tristezza.

Emotivamente, potresti essere in ansia per il benessere del tuo bambino, la transizione alla maternità o l’adattamento alla tua nuova routine. Le tue nuove responsabilità possono sembrare schiaccianti.

Cosa posso fare per sentirmi meglio?

Il riposo e il sostegno della tua famiglia e degli amici possono fare una grande differenza per farti sentire meglio. Anche se ti stai adattando alla nuova spaventosa realtà di dover soddisfare tutti i bisogni di un piccolo essere umano, è importante non trascurare te stessa nel processo. Questo è più facile a dirsi che a farsi, naturalmente, quindi non essere timida nel chiedere aiuto. La privazione del sonno può peggiorare il baby blues, quindi fai uno sforzo per riposare ogni volta che puoi. Anche un pisolino di 10 minuti può aiutare.

Cerca anche di fare un po’ di esercizio leggero ogni giorno – una piacevole passeggiata all’aria aperta può fare miracoli per il tuo umore. Se hai avuto un parto cesareo o ti senti ancora dolorante dal parto, però, potresti voler controllare prima con il tuo ginecologo. Appoggiati alle persone che ti vogliono bene; se hai un partner, condividi come ti senti e cosa troveresti utile.

Altre nuove mamme possono essere un’altra grande fonte di conforto. Vedi se il tuo ospedale o centro nascita ospita gruppi per le nuove mamme, dove puoi trovare supporto emotivo da donne che stanno attraversando un’esperienza simile.

baby blues depressione
baby blues depressione

Come posso dire se ho la depressione post-partum?

Purtroppo è facile confondere il baby blues con la depressione post-partum (DPP) perché hanno sintomi in comune. Tuttavia, mentre il baby blues si attenua con il tempo, la DPP è più intensa e dovrebbe essere trattata il prima possibile. Se sei nelle prime due settimane post-partum, aspettati qualche sconvolgimento emotivo. Tuttavia, se continui a sentirti così per più di due settimane dopo il parto, chiama il tuo medico. Chiama se hai anche una grave ansia o una storia personale o familiare di depressione.

Se hai pensieri di fare del male a te stessa o al tuo bambino, cerca immediatamente un aiuto professionale.

Quando qualcuno che conosci ha il baby blues

Partner, amici e parenti: la cosa migliore che puoi fare è rassicurare la neomamma che è normale sentirsi così e che molte donne si sentono così dopo il parto. Probabilmente è esausta e insicura di se stessa e, se è il suo primo figlio, non l’ha mai fatto prima. Non c’è da stupirsi che si senta sopraffatta!

Basta essere lì per ascoltare, aiutare e offrire sostegno emotivo. Incoraggiala a piangere se ne ha bisogno, e dille che sta facendo un ottimo lavoro. Riduci le visite al minimo e ricordale che non deve mandare biglietti di ringraziamento in questo momento. Insisti che si riposi il più possibile, e offriti volontario per occuparti del bambino mentre lei sonnecchia.

Aiutala a creare un programma e a stabilire le priorità delle cose che devono essere fatte rispetto a quelle che possono aspettare, e dalle una mano con le responsabilità quotidiane, come fare il bucato o preparare la cena. Soprattutto, falle sapere che sei lì per lei e per il bambino, qualunque cosa accada.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli