Cos'è il trauma da parto? E come andare avanti

trauma da parto
trauma da parto

Parliamo di qualcosa di cui nessuno vuole parlare: il trauma da parto. Non è una cosa che si prevede, ma riguarda quasi un terzo delle madri. Secondo il PATTCH (Prevention and Treatment of Traumatic Childbirth), dal 25 al 34% delle donne subisce un trauma da parto. Si tratta di un dato spiacevole e, a dire il vero, terrificante.

Che cos’è il trauma da parto?

Prima di proseguire, diamo una definizione di trauma da parto. I ricercatori definiscono il trauma da parto come una percezione di lesione o morte reale o minacciata per la madre o il suo bambino. Sebbene questa sia la definizione ufficiale, il trauma da parto va oltre. Per alcune donne, non riguarda in realtà un’esperienza straziante o pericolosa. Si tratta piuttosto della perdita di controllo, della mancanza di sostegno, della vera e propria mancanza di rispetto da parte dell’équipe medica e della sensazione emotiva negativa generale lasciata dall’esperienza.

Come prevenire un parto traumatico

Il modo migliore per affrontare il trauma da parto è, ovviamente, la prevenzione. Sebbene sia impossibile prevenire tutti i tipi di trauma, è possibile ridurre al minimo le possibilità di subirne uno.

  • Preparatevi al parto frequentando corsi di preparazione alla nascita e informandovi su cosa aspettarvi da un’esperienza di parto.

  • Stabilite aspettative realistiche per il parto. Il parto è imprevedibile e non sempre va secondo i piani.

  • Assicuratevi che il vostro team medico vi sostenga. Se il vostro ginecologo o la vostra ostetrica non sembrano ascoltarvi o vi trattano con mancanza di rispetto durante la gravidanza, significa che si comporteranno allo stesso modo quando partorirete. Assicuratevi quindi di trovare un operatore che vi sostenga, vi rispetti e sia sulla vostra stessa lunghezza d’onda.

  • Discutete con il vostro operatore delle vostre paure legate al parto e pianificate diversi scenari di nascita.

  • Abbiate una persona di supporto durante il parto.

  • Stabilire un supporto per la salute mentale. Se siete inclini all’ansia, iniziate a lavorare con un terapeuta durante la gravidanza. Predisponete anche un piano per il sostegno alla salute mentale dopo il parto.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli