Cos'è la dieta delle Zone Blu? Quando farla e controndicazioni

Dieta delle Zone Blu: cos'è, quando farla e controindicazioni
Dieta delle Zone Blu: cos'è, quando farla e controindicazioni

Dieta delle Zone blu, se ne parla tanto e spesso, ma di cosa si tratta di preciso? Ecco, in questo articolo, spieghiamo quando seguire questa dieta della longevità e quando, invece, è meglio non affidarsi alla dieta delle Zone blu. Scopriamolo insieme.

Dieta delle Zone blu: di cosa si tratta?

Questo regime alimentare è stato ideato da Dan Buettner, esploratore del National Geographic ed esperto di alimentazione e longevità. Si basa fondamentalmente sui modelli alimentari seguiti nelle zone blu, cinque regioni del mondo con un’alta concentrazione di persone che vivono fino a oltre 100 anni. Ecco le cinque regioni longeve del mondo:

  • Okinawa, Giappone

  • Sardegna, Italia

  • Nicoya, Costarica

  • Ikaria, Grecia

  • Loma Linda, California

Buettner, studiando queste regioni del mondo, ha scoperto che le diete e lo stile di vita di queste zone, apparentemente molto diverse, hanno in realtà alcune sorprendenti somiglianze. Prima tra tutte, gli abitanti vivono più a lungo grazie anche all’alimentazione tipica di queste regioni.

Dieta delle Zone blu: benefici e controindicazioni

In tutte le Zone Blu le persone fanno una colazione abbondante prima di andare al lavoro, pranzano tardi mangiando con moderazione e cenano presto senza appesantirsi. Alcuni mangiano un frutto a metà mattina o un po’ di frutta secca al pomeriggio, ma per lo più non fanno spuntini.

Nella maggior parte delle Zone Blu, mangiare fuori è un’eccezione, un piacere raro riservato alle occasioni di festa. Cucinare un pasto semplice, scegliendo ingredienti freschi e di alta qualità, è un gesto che può portarci a eliminare dalle 100 alle 300 calorie dalla nostra dieta giornaliera. Di norma, gli abitanti delle Zone Blu non mangiano mai da soli, né in piedi.

Per quanto riguarda gli effetti collaterali della dieta delle zone blu, non ci sono vere e proprie controindicazioni. La dieta è sana e generalmente consigliata a tutti. Più che di controindicazioni, dunque, potremmo parlare di qualche svantaggio. Ad esempio la difficoltà di seguire un’alimentazione prevalentemente vegetariana.