Cos'è la placenta e a cosa serve: tutti i dettagli

Cos'è la placenta
Cos'è la placenta

Ne sentiamo spesso parlare, ma cos’è la placenta? Ecco tutto ciò che dovreste sapere in merito.

Che cos’è la placenta?

La placenta è un organo che si trova all’interno dell’utero. Il suo compito è quello di fornire al bambino tutto ciò di cui ha bisogno per crescere e svilupparsi fino alla sua nascita. La placenta è composta da tre strutture: le membrane, il cordone ombelicale e la parte principale, la placenta stessa.

Che cosa fa esattamente?

La placenta è un organo facilitatore. Non è, come molti credono, un organo di filtraggio. Il suo scopo è quello di facilitare la crescita del bambino, fornendogli sangue ossigenato e sostanze nutritive vitali. È l’unico organo che cresciamo, usiamo per pochi mesi e poi scartiamo (a patto che non venga conservato per il consumo o l’uso personale). Questo organo essenziale può attaccarsi a qualsiasi parte dell’utero e cresce e si muove insieme all’utero in crescita. Alcune madri possono notare che non sentono il loro bambino scalciare così presto come altre colleghe o amiche in gravidanza se hanno una placenta anteriore. Questo è il punto in cui la placenta si attacca alla parte anteriore dell’utero. I calci si avvertono più frequentemente a partire dalla 20a settimana di gravidanza quando la madre ha una placenta anteriore.

A volte, tuttavia, la placenta può attaccarsi piuttosto in basso, causando preoccupazione già nelle prime fasi della gravidanza. È importante notare che la placenta bassa e la placenta previa sono due cose molto diverse. Una placenta bassa è attaccata vicino all’apertura dell’utero. Spesso si corregge da sola quando l’utero cresce e si espande verso l’alto e, con esso, si sposta la placenta. Una placenta che copre completamente l’apertura dell’utero, rendendo necessario un parto chirurgico, è chiamata placenta previa. Questa condizione è piuttosto rara.

Cos'è la placenta gravidanza
Cos'è la placenta gravidanza

Il cordone ombelicale

Sebbene sia possibile indovinare dove la placenta si attaccherà all’utero, lo stesso si può dire per l’inserimento del cordone ombelicale nella placenta. Esistono molte varietà di inserzioni del cordone. Tuttavia, la grande maggioranza delle inserzioni è di tipo centrale ed eccentrico. Questo cordone incredibilmente lungo e resistente collega il bambino e la placenta. Il cordone ombelicale ospita tre vasi sanguigni. Uno è una vena che porta il sangue ossigenato e ricco di sostanze nutritive dalla placenta al bambino. Due sono arterie che riportano i rifiuti del bambino alla placenta per essere espulsi dalla madre.

I tre vasi sono vitali e sono protetti dallo schiacciamento o dalla compressione da una sostanza chiamata gelatina di Wharton. Molte ecografie mostrano il bambino che gioca con il cordone ombelicale, avvolgendovi le manine, ecc.

Le membrane

All’organo sono attaccate due membrane molto resistenti, l’amnios e il corion. All’interno di queste membrane si trovano il bambino, il cordone ombelicale e il liquido amniotico. Queste membrane, come la placenta, cresceranno durante la gravidanza. Quando arriva il momento del parto, le membrane si lacerano e il liquido amniotico fuoriesce. Circa 1 bambino su 80.000 nascerà en caul, il che significa che le membrane saranno completamente intatte alla nascita.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli