Cos'è la tossicità da metalli pesanti?

·2 minuto per la lettura

Ultimamente nei siti web di salute e benessere molti parlano di tossicità da metalli pesanti.

Ma cosa significa esattamente il termine? A rendere chiaro il tutto è Holly Zoccolan, coach di salute nutrizionale e fondatrice di The Health Zoc.

Come illustra l'esperta, la tossicità dei metalli pesanti si riferisce all'esposizione a mercurio, piombo, alluminio, arsenico, cadmio e nichel, che possono accumularsi nel corpo nel corso degli anni senza che una persona si renda effettivamente conto di ciò che sta accadendo.

I modi comuni per essere esposti includono prodotti per la casa, pesce d'allevamento e otturazioni dentali. Il contatto potrebbe potenzialmente portare a problemi con il sistema nervoso centrale, danni agli organi vitali e grave annebbiamento del cervello.

«Una volta che i metalli pesanti sono entrati nel tuo flusso sanguigno, viaggiano attraverso il corpo entrando nelle tue cellule e organi per essere immagazzinati; e possono rimanere immagazzinati nelle tue cellule per anni, quindi è importante che ci rendiamo conto di cosa sono», ha detto Holly Zoccolan.

«Il mercurio è uno dei metalli pesanti più letali che ci siano, con un impatto specifico sul nostro sistema nervoso centrale. L'esposizione al mercurio e ad altri metalli pesanti deriva da sostanze domestiche, come cosmetici, ammorbidenti, pellicole, antitraspiranti, posate in acciaio inossidabile, acqua potabile contaminata, otturazioni dentali in metallo, inquinamento atmosferico, alimenti lavorati e pesce d'allevamento. Tuttavia possiamo essere colpiti anche alla nascita, poiché i metalli pesanti vengono trasmessi al bambino dalla madre».

Per trattare la tossicità da metalli pesanti, Holly consiglia di rimuovere dalla dieta per circa 10 giorni i comuni allergeni alimentari come glutine e latticini, oltre a cibi lavorati, additivi, alcol e zucchero raffinato, in modo che il fegato possa mettersi al lavoro setacciando le tossine.

«Durante la disintossicazione assicurati di bere molta acqua, se possibile circa due litri al giorno. Vogliamo consumare una gamma di verdure a foglia verde come spinaci, broccoli, cavoli e rucola, poiché questi sono alcuni degli alimenti più potenti per la disintossicazione dai metalli pesanti - continua l'esperta -. Includi cibi ricchi di vitamina C in quanto sono alimenti ad alto potere antiossidante e aiutano a ridurre i danni causati dai metalli pesanti - cioè alimenti come ananas, arance, kiwi, peperoni e frutti di bosco».

Ma non è tutto: «Dovremmo anche aggiungere alla nostra cucina erbe aromatiche, spezie, aglio e cipolle poiché sono antinfiammatori, ricchi di antiossidanti e aiutano nel processo di disintossicazione. Anche i grassi omega-3 come i semi di chia e di lino sono ottime aggiunte - poiché aiutano a ridurre ulteriormente l'infiammazione - e contengono grandi livelli di fibre per far uscire le tossine dal corpo».

Per concludere, Holly insiste che il rispetto di questa dieta ricca di nutrienti aiuterà anche a migliorare la salute dell'apparato digerente, la pelle e i livelli di energia.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli