Cos'è questo piano del principe Carlo di "ridimensionare" la royal family?

Di Redazione Digital
·2 minuto per la lettura
Photo credit: Chris Jackson - Getty Images
Photo credit: Chris Jackson - Getty Images

Soffia il vento del cambiamento su Buckingham Palace. La regina Elisabetta ha appena festeggiato il suo 95esimo compleanno e alcuni osservatori fanno notare che presto potrebbero esserci novità a corte. Stando alle dichiarazioni rilasciate a Talk Radio da Angela Levin, commentatrice e biografa reale, il principe del Galles sarebbe pronto a "ridurre la monarchia" per risparmiare denaro, tagliando l'appannaggio dei membri senior della famiglia. Sarebbe stato questo, secondo la giornalista, l'oggetto al centro della discussione tra Carlo e William, che all'indomani dei funerali del duca di Edimburgo hanno tenuto un colloquio per parlare del futuro della monarchia. "Il principe Carlo ha voluto a lungo ridurre la monarchia per risparmiare sui costi e fare in modo che i membri della famiglia si "guadagnino" i soldi ricevuti dai contribuenti – sottolinea la Levin –. Mi immagino che questa idea gli sia venuta quando Harry e Meghan hanno deciso di staccarsi dalla famiglia reale. La regina ha cercato fino all'ultimo di tenere unita la famiglia per ragioni sentimentali: alla sua età non voleva che nulla cambiasse e penso che sia comprensibile. Ma Carlo vuole cambiare e penso che lo farà".

Questo contenuto non è disponibile a causa delle tue preferenze per la privacy.
Per visualizzarlo, aggiorna qui le impostazioni.

Una scelta che Carlo prenderebbe solo una volta salito al trono, ma che ridurrebbe il numero dei senior members della famiglia reale a Camilla, William, Kate e i loro tre figli in quanto eredi diretti in linea di successione. Se la Levin avesse ragione, il futuro re d'Inghilterra potrebbe anche decidere di esortare i propri familiari a lavorare, come già accade in molti Paesi europei in cui ci si aspetta che i reali abbiano una professione. Ora che a sostenere la regina non c'è più Filippo, la commentatrice è inoltre convinta che sarà il figlio a occuparsi di molte incombenze che ancora ricadono sulla regina o, perlomeno, ad affiancarla sempre di più nelle occasioni ufficiali, come avverrà il prossimo 11 maggio all'inaugurazione del Parlamento. "Penso che anche se la regina vorrà fare il proprio dovere fino in fondo, farà un passo indietro: ormai è abbastanza difficile tornare a com'erano le cose prima della pandemia e di tutto il periodo di isolamento. In fin dei conti sarà grata lei stessa al figlio per aver preso in mano decisioni che immagino essere piuttosto gravose per il futuro della famiglia reale". Sarà la fine di un'epoca? Chissà. Forse è proprio vero che è necessario che tutto cambi, perché niente cambi davvero.