Cosa fare in caso di febbre nel bambino

·6 minuto per la lettura
febbre
febbre

La febbre è una temperatura corporea più alta del normale. Di solito è un segno che il corpo sta combattendo una guerra contro l’infezione. Ecco come capire quando devi preoccuparti per la febbre.

Febbre: quando preoccuparsi

Se il tuo bambino ha meno di 3 mesi e ha una temperatura di 38 gradi o superiore, chiama immediatamente il medico. Un bambino così piccolo ha bisogno di essere controllato per infezioni o malattie gravi. Per un bambino di 3 mesi o più, la cosa più importante è il suo aspetto e il suo comportamento. Se sembra stare bene, sta assumendo liquidi e non ha altri sintomi, non c’è bisogno di chiamare il medico a meno che la febbre persista per più di 24 ore o sia di 38 gradi o superiore.

Se il tuo bambino ha tra i 3 mesi e i 6 mesi e ha una febbre di 38 gradi o superiore, chiama il medico se ha anche sintomi come:

  • Perdita di appetito

  • Tosse

  • Segni di mal d’orecchio

  • Insolita agitazione o sonnolenza

  • Vomito o diarrea

  • Notevolmente pallido o arrossato

  • Meno pannolini bagnati o meno pipì

  • Eruzione cutanea inspiegabile (piccole macchie rosso-violacee che non diventano bianche o più pallide quando si preme su di esse, o grandi macchie viola, possono segnalare un’infezione batterica molto grave)

  • Difficoltà di respirazione (o respiro più veloce del solito) anche dopo avergli pulito il naso con una siringa a bulbo. Questo potrebbe indicare polmonite o RSV.

Se il tuo bambino ha una temperatura inferiore a 36 gradi, anche questo giustifica una chiamata al medico. La febbre può essere un sintomo di COVID-19; se credi che tuo figlio sia stato esposto al coronavirus, chiama il pediatra.

Come prendere la temperatura del tuo bambino

Nota che diversi tipi di termometri sono più precisi di altri. La maggior parte dei medici ti chiede ancora di usare un termometro rettale, e le temperature di cui sopra sono basate su letture rettali (anche se gli studi dimostrano che un termometro temporale è altrettanto preciso). Tuttavia, alcuni consigliano di prendere prima la temperatura del bambino sotto l’ascella e, se questa temperatura è superiore a 36 gradi, poi fare una lettura rettale.

Nota che la temperatura del tuo bambino può cambiare a seconda dell’ora del giorno (spesso è più alta nel pomeriggio) o di quanto è stato attivo il tuo bambino (i bambini che gattonano e corrono sono più caldi).

Cosa fare se il tuo bambino ha la febbre

Poiché la febbre fa parte della difesa del corpo contro batteri e virus, alcuni esperti suggeriscono che una temperatura elevata può aiutare il corpo a combattere le infezioni in modo più efficace. Inoltre, la febbre dice anche al corpo di produrre più globuli bianchi e anticorpi per combattere l’infezione.

D’altra parte, se la temperatura del tuo bambino è troppo alta sarà difficile mangiare, bere o dormire, rendendo più difficile la sua guarigione. Ecco alcuni passi fondamentali che puoi fare per far star bene il tuo bambino:

  1. Rimuovi gli strati di vestiti in modo che il tuo bambino possa perdere calore più facilmente attraverso la sua pelle. Vestilo con uno strato leggero. Se sta tremando, dagli una coperta leggera finché non si riscalda di nuovo.

  2. Metti un panno fresco e umido sulla fronte di tuo figlio mentre riposa.

  3. Offri molti liquidi. I neonati e i bambini più grandi possono mangiare cibi freddi, come ghiaccioli e yogurt, per aiutare a raffreddare il corpo dall’interno e mantenerlo idratato.

  4. Fai al tuo bambino un bagno tiepido in vasca o una spugna. Quando l’acqua evapora dalla sua pelle, la raffredderà e farà scendere la sua temperatura. Non usare acqua fredda, perché può farlo rabbrividire e fargli aumentare la temperatura corporea. Allo stesso modo, non usare l’alcol; può causare un aumento della temperatura e forse anche un avvelenamento da alcol.

  5. Usa un ventilatore. Di nuovo, non vuoi che il tuo bambino si raffreddi. Tieni il ventilatore a un livello basso e puntalo vicino a lui per far circolare l’aria intorno, piuttosto che soffiare direttamente su di lui.

  6. Resta in casa in un luogo fresco. Oppure, se siete all’aperto, rimanete all’ombra.

  7. Se il tuo medico acconsente, puoi dargli l’acetaminofene o l’ibuprofene per abbassare la febbre.

  8. Fai attenzione alla dose. Il peso del bambino determinerà la giusta dose. Usa sempre il dispositivo di misurazione che viene fornito con la medicina per dare al tuo bambino esattamente la giusta quantità.

  9. Non dare la medicina per ridurre la febbre più spesso di quanto sia raccomandato. Le indicazioni probabilmente diranno che puoi dare l’acetaminofene ogni quattro ore (fino a un massimo di cinque volte al giorno) e l’ibuprofene ogni sei ore (fino a un massimo di quattro volte al giorno).

  10. Non dare mai al bambino l’aspirina. L’aspirina può rendere un bambino più suscettibile alla sindrome di Reye, un disturbo raro ma potenzialmente fatale.

  11. Non dare a tuo figlio preparati da banco per la tosse e il raffreddore. La maggior parte dei medici non raccomanda questi prodotti per neonati e bambini piccoli. Inoltre possono già contenere ibuprofene o acetaminofene, quindi si rischia di dare al bambino troppe medicine.

Attacchi febbrili e altre complicazioni

La febbre è di solito una parte normale del processo di guarigione del corpo. Ma ci sono complicazioni di cui essere consapevoli, come le convulsioni febbrili. La febbre a volte causa queste crisi febbrili nei neonati e nei bambini piccoli. Sono più comuni nei bambini tra i 6 mesi e i 5 anni.

Nella maggior parte dei casi sono innocue, ma questo non le rende meno terrificanti se tuo figlio ne sta avendo una. Può roteare gli occhi, sbavare o vomitare. I suoi arti possono diventare rigidi e il suo corpo può contrarsi o sussultare.

Febbre che continua a tornare

I farmaci per la riduzione della febbre abbassano temporaneamente la temperatura corporea, ma non hanno effetto sul fattore che sta causando l’infezione. Quindi il tuo bambino può avere la febbre fino a quando il suo corpo non è libero dall’infezione. Questo può richiedere almeno due o tre giorni, e il medico potrebbe voler vedere tuo figlio se la febbre dura più di tre giorni.

Alcune infezioni, come l’influenza, possono durare da cinque a sette giorni. Se tuo figlio è in trattamento con antibiotici per combattere un’infezione batterica, potrebbero volerci 48 ore prima che la sua temperatura scenda.

febbre bambino
febbre bambino

Febbre senza altri sintomi

Quando un bambino ha la febbre che non è accompagnata da naso che cola, tosse, vomito o diarrea, capire cosa c’è di sbagliato può essere difficile. Ci sono molte infezioni virali che possono causare febbre senza altri sintomi. Alcune, come la rosolia, causano tre giorni di febbre molto alta seguita da un’eruzione rosa chiaro sulla schiena.

Infezioni più gravi, come la meningite, le infezioni del tratto urinario o la batteriemia (batteri nel flusso sanguigno), possono anche provocare una febbre alta senza altri sintomi specifici.

Danni al cervello

È possibile, ma è estremamente improbabile. Non è insolito per un bambino malato avere una temperatura di 39 gradi o anche 40. Per causare un danno cerebrale, la temperatura di un bambino dovrebbe raggiungere i 42 gradi: difficile da immaginare, a meno che il bambino non sia rimasto intrappolato in una macchina calda, per esempio, o sia stato troppo vestito mentre aveva la febbre.

Di nuovo, la febbre è comune, normale e un segno che il corpo del bambino sta facendo ciò che deve fare di fronte a un’infezione. Tuttavia, solo tu puoi capire quando qualcosa non va; se sei preoccupata per quello che sta succedendo con la temperatura del tuo bambino, chiama il tuo medico.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli