Cosa fare quando il bambino piange: preziosi consigli

Cosa fare quando il bambino piange
Cosa fare quando il bambino piange

Capire cosa fare quando il bambino piange può sembrare quasi impossibile, ma esistono diverse strategie per decifrare i suoi segnali. Il pianto dei neonati ha un picco da 3 a 4 settimane fino a 4 mesi e può essere incredibilmente stressante. Mentre il pianto può riflettere un problema serio, è anche un aspetto importante del normale sviluppo.

Cosa fare quando il bambino piange?

Conoscere la differenza può essere difficile, ma porre tre domande chiave può ridurre l’ansia e promuovere la salute del bambino:

  1. È qualcosa che posso aiutare?

  2. Devo chiedere aiuto al mio medico?

  3. È qualcosa che solo il tempo potrà alleviare?

Il pianto dei neonati ha tante varietà quanti sono i temperamenti. Fortunatamente, c’è un piccolo numero di bandiere rosse che giustificano l’attenzione medica. La febbre, definita come temperatura rettale (sì, questo è il modo migliore per controllare) di 37,7 gradi, è di gran lunga la più importante. Qualsiasi febbre nei primi due mesi dovrebbe essere valutata per escludere infezioni gravi. Per i bambini più grandi con febbre, la decisione di cercare l’attenzione medica dipende dai genitori e dalla presenza di segni preoccupanti di malattia, come non bere bene o mancanza di respiro.

Se questi segnali sono assenti, i genitori possono procedere a una lista di controllo di tre sistemi:

Gastrointestinale

Il pannolino del bambino è pulito? In caso contrario, cambialo. Il bambino ha fame? Se sì, dagli da mangiare, ma senza forzare. Poiché la vita di un bambino ruota in gran parte intorno al mangiare, si è tentati di attribuire il pianto a un problema gastrointestinale: gonfiore, allergia alimentare, ecc. La perdita di peso, il sangue nelle feci o il dolore con lo sputo sono delle (rare) bandiere rosse. A parte questo, spesso vogliamo fare qualcosa come cambiare formula, usare probiotici o limitare la dieta della madre che allatta. Ci sono poche prove che tutto questo sia d’aiuto, anche se – in gran parte – fornisce un’illusione di controllo fino a quando il pianto non diminuisce da solo.

Cosa fare quando il bambino piange consigli
Cosa fare quando il bambino piange consigli

Cardiaco

Tutti i bambini hanno bisogno di sentirsi sicuri e amati. Le passeggiate all’aperto, il dondolio ritmico, il parlare, il tocco delicato o il massaggio, le fasce e il canto sono tutti elementi che li trasmettono e favoriscono un legame meraviglioso. È importante che chi si prende cura del bambino respiri e mantenga la calma. Se i bambini percepiscono frustrazione o rabbia, è probabile che il pianto si intensifichi, alimentando un ciclo che può sfociare tragicamente in conseguenze serie. Se sorgono emozioni negative alimentate dalla stanchezza, fatti aiutare da un partner, un membro della famiglia o un amico. Se nessuno è disponibile, metti il bambino al sicuro nella sua culla e allontanati per 10-15 minuti di riposo.

Nervoso

Il sistema nervoso di un bambino si sviluppa rapidamente durante l’infanzia, elaborando nuove incredibili viste, suoni, odori e sensazioni. Poiché non possono ancora parlare, i bambini comunicano con il pianto, spesso “sfogandosi” alla fine della giornata.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli