Cosa fare quando il bambino dice le parolacce

·3 minuto per la lettura
parolacce
parolacce

Il vostro bambino meravigliosamente curioso ha acquisito una nuova abilità: dire le parolacce. Molte volte, la prima parolaccia di un bambino sarà il risultato di una mimica diretta. Forse vi ha sentito dirlo quando un altro automobilista vi ha tagliato la strada nel traffico, e ora lo sta ripetendo all’infinito sul sedile posteriore. Il modo migliore per affrontare la cosa è ignorarla fino a quando il bambino non perde interesse.

Se continua, ammettete che non avreste dovuto dire la parolaccia (un semplice “ops” va bene) e distraetelo con una canzone o una storia. Tuttavia, potrebbe anche aver sviluppato questa abilità a causa di ciò che sente nel mondo. Forse il suo migliore amico di scuola materna ha appena ampliato il suo vocabolario e ha pensato che fosse divertente condividere alcune parole scelte con vostro figlio. Forse, oppure, ha inavvertitamente visto qualche episodio di una serie televisiva che usa un linguaggio volgare.

Cosa fare se il bambino dice le parolacce

Mantenere una faccia da poker. La prima volta che il vostro bambino dice una parolaccia, trattenete l’impulso di ridere a crepapelle, cosa che il vostro bambino prenderebbe ovviamente come un meraviglioso rinforzo per farlo di nuovo.

Porre dei limiti. Se il vostro bambino sembra essersi fissato su una o due bestemmie gravi, ha bisogno che voi stabiliate delle linee guida. È fondamentale farlo con calma – senza agitarsi o arrabbiarsi – altrimenti ogni volta gli ricordate quanto potere ha. Per le parolacce da adulti, non è necessario spiegare cosa significano o perché sono inaccettabili. Basta mettere in chiaro, con una voce concreta e disinteressata, quali parole sono off-limits.

parolacce bambino 1200x800
parolacce bambino 1200x800

Sostituire le alternative divertenti ma pulite. Se il vostro bambino sta solo provando una nuova parola o la canta sottovoce per il brivido, è probabile che possiate convincerlo a sostituire un’altra parola nuova ed eccitante. Tuttavia, se non vuole lasciar perdere la parolaccia neanche dopo uno o due avvertimenti, allora è il momento della tattica disciplinare. Mantenete la calma, rispondete rapidamente e siate coerenti: “Questa parola ti procura un time-out da solo”. Un time-out a questa età dovrebbe essere molto breve e può essere orchestrato ovunque: il sedile posteriore della macchina, una noiosa sedia al centro commerciale, la stanza sul retro della nonna.

Altre soluzioni

Insegnate il rispetto. Non state facendo un favore a vostro figlio lasciandogli credere che va bene lanciare epiteti, anche se infantili, ad altri bambini. Le parolacce lo metteranno nei guai a scuola, al parco giochi e a casa degli amici, e non gli faranno bene neanche a tavola con il nonno. Spiegate che insultare le persone ferisce i loro sentimenti, che non fa differenza se gli altri bambini usano lo stesso linguaggio, e che non è permesso insultare e ferire i sentimenti delle persone.

Fate attenzione alla vostra bocca. Certo, ci sono regole diverse per il comportamento degli adulti e dei bambini, ma se il vostro bambino sente bestemmie nella conversazione quotidiana, sarà molto più difficile convincerlo che certe parole sono inaccettabili. Si chiederà anche perché una regola si applica a lui e non a voi. Pensate al vostro bambino come a una spugna: assorbe ciò che vede e sente intorno a sé ed è ansioso di condividere ciò che ha imparato con gli altri, bene o male.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli