Cosa fare quando il bambino fa i capricci?

·3 minuto per la lettura
capricci del bambino
capricci del bambino

I capricci sono l’equivalente emotivo di un temporale estivo – improvviso e a volte feroce. Un minuto prima tu e tuo figlio siete al ristorante a godervi la cena, il minuto dopo sta piagnucolando lamentandosi e poi urlando a squarciagola in pubblico. I bambini tra 1 e 3 anni sono particolarmente inclini ai capricci.

Sebbene possa preoccuparti di star crescendo un tiranno, fatti coraggio – a questa età, è improbabile che tuo figlio faccia i capricci per essere manipolativo. Più probabilmente, sta avendo un crollo in risposta alla frustrazione. Claire B. Kopp, professoressa di psicologia applicata allo sviluppo, attribuisce gran parte del problema alle abilità linguistiche non omogenee. “I bambini cominciano a capire molto di più delle parole che sentono, ma la loro capacità di linguaggio è davvero limitata”, dice. Quando il tuo bambino non può esprimere come si sente o cosa vuole, la frustrazione aumenta.

Come gestire i capricci del bambino

Non perdere la calma

Un capriccio non è un bello spettacolo. Oltre a scalciare, urlare e battere il pavimento, il repertorio del bambino può includere lanciare oggetti, colpire e trattenere il respiro fino al punto di diventare blu. Anche se questo può essere difficile da gestire, puoi stare tranquilla che anche trattenere il respiro è un comportamento normale per un bambino che fa i capricci.

Quando è preso da un capriccio non è in grado di ascoltare la ragione, anche se risponderà – negativamente – alle tue urla o minacce. “Ho scoperto che più gridavo a Brandon di fermarsi, più lui diventava selvaggio”, dice una madre di un bambino di 2 anni. Quello che ha funzionato invece, ha scoperto, è stato quello di sedersi e stare con lui mentre si infuriava.

In generale, stare con tuo figlio durante un capriccio è una buona idea. Uscire dalla stanza – per quanto allettante possa essere – può farlo sentire abbandonato. La tempesta di emozioni che sta attraversando può essere spaventosa per lui, e apprezzerà la tua vicinanza.

Ricorda che sei tu l’adulto

Non importa per quanto tempo il capriccio continui, non cedere a richieste irragionevoli o cercare di negoziare con il tuo bambino urlante. È particolarmente allettante cedere per porre fine a un episodio pubblico. Cerca di non preoccuparti di quello che pensano gli altri – chiunque sia un genitore ci è già passato.

i capricci del bambino
i capricci del bambino

Cedendo, insegnerai a tuo figlio che fare una scenata è un buon modo per ottenere ciò che vuole, il che prepara il terreno per futuri conflitti. Inoltre, tuo figlio è già spaventato dall’essere fuori controllo. L’ultima cosa di cui ha bisogno è sentire che anche tu non hai il controllo.

Se lo sfogo si intensifica al punto da colpire persone o animali domestici, lanciare oggetti o urlare senza sosta, prendilo in braccio e portalo in un luogo sicuro, come la sua camera da letto.

Usa i time-out con parsimonia

A seconda del bambino, usare un time-out occasionalmente, a partire dall’età di 18 mesi circa, può aiutarlo a gestire meglio i suoi sentimenti quando fa i capricci. Un time-out può essere utile quando il capriccio del bambino è particolarmente intenso e le altre tecniche non funzionano. Mettere il bambino in un posto tranquillo o – meglio ancora – noioso per un breve periodo (circa un minuto per ogni anno di età) può essere una buona lezione di auto-rilassamento.

Parlane dopo

Quando la tempesta si placa, tieni stretto tuo figlio e parla di quello che è successo. Parlate del capriccio in termini molto semplici e riconosci la frustrazione di tuo figlio. Aiutalo a mettere in parole i suoi sentimenti dicendo qualcosa come: “Eri molto arrabbiato perché il tuo cibo non era come lo volevi”.

Fagli capire che una volta che si esprime a parole, otterrà risultati migliori. Digli con un sorriso: “Mi dispiace di non averti capito. Ora che non stai urlando, posso scoprire cosa vuoi”.

i capricci del bambino consigli
i capricci del bambino consigli

Fai sapere a tuo figlio che gli vuoi bene

Una volta che il tuo bambino è calmo e hai avuto la possibilità di parlare con lui del suo capriccio, dagli un rapido abbraccio e digli che gli vuoi bene. È importante premiare il buon comportamento, compresa la capacità di tuo figlio di calmarsi e di parlare con te.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli