Cosa fare se i bambini si umiliano a scuola?

·3 minuto per la lettura
bambini si umiliano a vicenda
bambini si umiliano a vicenda

I bambini si umiliano a vicenda e non sapete come affrontare questa problematica? I bambini sono piccoli in un mondo pieno di persone molto più grandi, e spesso si sentono mancati di rispetto dagli adulti. Spesso affrontano questi sentimenti prendendo in giro e umiliandosi a vicenda; così facendo, mostrano a qualcuno un po’ più piccolo o un po’ più giovane come sono stati trattati loro stessi.

Quando vostro figlio esprime preoccupazione, prima di tutto ascoltatelo, senza addentrarvi nei vostri problemi e reazioni. Potete chiedere: “Cosa dice la gente? Come ti senti quando vedi le persone che si umiliano a vicenda?”. Lasciate che vostro figlio esprima le sue emozioni, parlando o piangendo o arrabbiandosi. Non fermatevi qui, però. Parlate con l’insegnante o con un amministratore scolastico e assicuratevi che la scuola abbia una politica contro la mancanza di rispetto reciproco da parte dei bambini. Se non ce l’ha, aiutate a crearne una. La politica dovrebbe dichiarare che gli insegnanti e i genitori intervengano quando un bambino dice qualcosa di cattivo.

L’approccio generale dovrebbe essere: “So che non diresti niente di così offensivo se non ci fosse qualcosa che ti preoccupa o qualcosa del genere che ti è successo. Cosa sta succedendo?”. Se riuscite a mantenere la prospettiva che i bambini non fanno cose cattive, a meno che non abbiano sperimentato loro stessi qualcosa di cattivo o spaventoso, allora i bambini si sentiranno capiti.

Cosa fare se i bambini si umiliano a vicenda?

Se avete un po’ di tempo ed energia in più, potete anche offrirvi volontari per portare piccoli gruppi di bambini fuori dalla classe per parlare di prese in giro e offese. Chiedete loro come ci si sente quando gli succede, come ci si sente a farlo e qual è la cosa che vorrebbero che nessuno dicesse loro mai più. Se il gruppo è abbastanza piccolo (due o tre), i bambini sentiranno di poter parlare tra loro e voi potrete aiutarli con i loro sentimenti negativi. Condividete le vostre idee con l’insegnante e chiedete il suo contributo.

i bambini si umiliano a vicenda
i bambini si umiliano a vicenda

Dite a vostro figlio che quando qualcuno si comporta male, si sente male dentro. Il bambino che si comporta male ha bisogno di aiuto, e può chiedere aiuto a un adulto. La cosa principale che gli adulti devono ricordare è che nessun bambino vuole veramente essere cattivo e offensivo con un altro. È un segno che il bambino sta male; la punizione lo farà solo sentire peggio, e più incline ad agire verso un altro bambino quando gli adulti sono fuori dalla portata d’orecchio.

Se le cose sono degenerate fino al punto in cui un bambino dice cose veramente cattive, meschine e oppressive, è il momento di intervenire. Un adulto dovrebbe separare i bambini, dire con fermezza all’insultatore di voler sapere perché il bambino si comporta male e chiarire che non gli permetterà di continuare a ferire un’altra persona. È importante che i bambini sappiano che i genitori e gli adulti a scuola li aiuteranno.

Devono sapere che chi viene preso di mira sarà protetto e che chi lo fa sarà aiutato. Se vostro figlio vi parla di offese e insulti a scuola, parlate con gli altri genitori e con gli insegnanti per trovare un modo in cui tutti possano collaborare per risolvere il problema.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli