Cosa fare se mio figlio ha l'alito cattivo?

·3 minuto per la lettura
alito cattivo
alito cattivo

I bambini sani (e anche gli adulti) a volte hanno l’alito cattivo, o alitosi. Ricorda che la cura dei denti è di vitale importanza ed è la prima responsabile di questi fenomeni.

Alito cattivo nei bambini: la causa

I colpevoli più probabili:

Una bocca secca. Se tuo figlio respira attraverso la bocca – perché ha il naso chiuso, per esempio – allora i batteri nella sua bocca hanno più probabilità di crescere indisturbati.

Un oggetto estraneo. Un pisello, un fagiolo, un piccolo giocattolo o un altro oggetto che il tuo bambino si è messo nel naso possono causargli l’alito cattivo. Questo è particolarmente comune nei neonati e nei bambini piccoli, che sono noti per mettere le cose dove non appartengono!

Scarsa igiene. I normali batteri vivono nella bocca e interagiscono con le particelle di cibo rimaste – tra i denti, sulla linea gengivale, sulla lingua, o sulla superficie delle tonsille nella parte posteriore della gola del tuo bambino. Questo causa l’alito cattivo, specialmente se il cibo rimane in bocca per molto tempo.

Carie, accumulo di tartaro o ascesso dentale. Questi possono colpire i denti dei bambini a qualsiasi età e causare l’alito cattivo. La malattia gengivale, o gengivite, è un colpevole negli adulti, ma di solito non nei bambini.

Mangiare cibi specifici. Se a tuo figlio piacciono cibi come aglio e cipolle, questi possono temporaneamente influenzare il suo alito mentre lavorano attraverso il suo sistema.

Una malattia o una condizione. Qualcosa come tonsillite o anche allergie stagionali possono causare l’alito cattivo. Inoltre, alcuni bambini con la malattia da reflusso gastroesofageo (rigurgito del cibo) hanno l’alito cattivo.

alito cattivo nei bambini
alito cattivo nei bambini

Cosa posso fare per l’alito cattivo di mio figlio?

Nella maggior parte dei casi, una buona igiene orale è la risposta. Se il tuo bambino è un neonato, cerca di pulirgli o spazzolargli le gengive e i denti dopo ogni poppata e prima di dormire. Puoi anche spazzolargli delicatamente la lingua. Ricorda che non c’è bisogno di usare il dentifricio a questa età.

Una volta che il tuo bambino ha superato la fase di neonato, lavagli i denti (ed eventualmente insegnagli a lavarseli) almeno due volte al giorno e di nuovo prima di dormire. Fino ai 2 anni, usa solo un punto di dentifricio della dimensione di un chicco di riso (o una striscia sottile). Dopo il suo secondo compleanno, usa una quantità grande come un pisello, e quando compie 5 anni usa una quantità grande come un piccolo fagiolo.

Porta tuo figlio a regolari controlli dentali per assicurarti che i suoi denti siano sani e puliti. Talvolta, insieme all’alito cattivo, potrebbero anche sembrare macchiati. Se, invece, i suoi denti sono sani e tuo figlio ha ancora l’alito cattivo, portalo dal suo medico per un controllo. Assicurati che tuo figlio si lavi spesso le mani con acqua e sapone se si succhia il pollice o le dita, e lava spesso gli oggetti di sicurezza. Se usa un ciuccio, sterilizzalo passandolo nella lavastoviglie o facendolo cadere in acqua bollente.

Infine, non far sentire il tuo bambino in imbarazzo per il suo alito cattivo. Cerca di affrontarlo con naturalezza, anche se ti mette un po’ in imbarazzo.

Mio figlio dovrebbe usare il collutorio?

No, perché il collutorio non fa che mascherare il problema. Inoltre, se tuo figlio non è ancora in età prescolare, probabilmente avrà problemi a sputare. Assicurati solo che i suoi denti siano lavati più volte al giorno.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli