Cosa sapere prima di dare la paghetta ai bambini

·3 minuto per la lettura
Dare la paghetta
Dare la paghetta

Dare la paghetta ai bambini può essere un gesto molto importante. Per imparare ad andare in bicicletta, avete bisogno di una bicicletta. E per imparare a gestire il denaro, è necessario… un po’ di denaro. Facendo pratica con i propri soldi, i bambini possono provare concetti – risparmiare per un giorno di pioggia, dare priorità agli obiettivi e ritardare la gratificazione – che altrimenti potrebbero sembrare astratti o irrilevanti.

Le paghette danno ai bambini spazio per fare errori in un ambiente a basso rischio – un po’ come imparare a guidare in un parcheggio vuoto. Se vostro figlio di 8 anni non può andare al cinema con la famiglia di un amico perché ha bruciato tutta la sua paghetta per comprare delle action figure, potrebbe essere più propenso a pianificare in anticipo quando riceverà la paghetta della prossima settimana.

Pensatela in questo modo: insegnate a vostro figlio le insidie dell’acquisto d’impulso all’inizio, ed è meno probabile che arrivi alla vostra porta tra qualche anno con un borsone pieno di biancheria sporca e una montagna di debiti con la carta di credito. Tra l’altro, è anche un ottimo modo per evitare di crescere bambini viziati.

Qual è una buona età per dare la paghetta?

Intorno ai 5 o 6 anni è tipico. Ma alcuni genitori iniziano negli anni della scuola materna, mentre altri aspettano fino ai 10 anni o più. Non c’è un momento magico per iniziare. Il momento migliore è quando vostro figlio comincia a capire che con il denaro può comprare le cose che vuole. Quindi, se vostro figlio tende a scrollare le spalle al denaro, perdendolo prima che possa trovare la sua strada verso il suo polveroso salvadanaio, aspettate finché non vedete segni che gli piace risparmiare o pensare a come potrebbe usarlo.

Quanto è ragionevole?

Considerate le risorse finanziarie della vostra famiglia, il costo della vita quotidiana nella vostra zona e il vostro livello di comfort. A molte famiglie piace usare una formula corrispondente all’età, come 50 centesimi o un euro a settimana per ogni anno di vita del bambino. Una formula ha certi vantaggi rispetto a un importo fisso. I bambini ricevono un aumento automatico ai loro compleanni, così si toglie la questione di quando aumentare la paghetta. Inoltre, elimina le discussioni tra fratelli, perché il più giovane può capire perché il più grande riceve di più.

dare la paghetta ai bambini 1200x800
dare la paghetta ai bambini 1200x800

Mentre molte famiglie danno la paghetta settimanalmente, altre lo fanno bisettimanalmente o mensilmente. L’importante è la coerenza. Stabilite un sistema che vi aiuti a ricordare, in modo da avere il giusto cambio e per evitare fastidiosi richiami da parte di vostro figlio. D’altra parte, non sentitevi bloccati – se il vostro accordo attuale semplicemente non funziona, potete sempre sedervi con vostro figlio e trovare un piano diverso.

Come insegnare al bambino a risparmiare e a condividere?

Potreste voler lasciare che vostro figlio si occupi di quanto spendere, quanto condividere e quanto risparmiare. Questo va bene – è sicuro che imparerà dai suoi successi e dai suoi errori. In alternativa, potete costruire delle linee guida che riflettano i vostri valori. Potete chiedere a vostro figlio di risparmiare il 10 per cento della sua paghetta e donare un altro 10 per cento a un ente di beneficenza di sua scelta. E potete dividere i risparmi in “fissi” e “rotativi”. I risparmi fissi vanno direttamente in banca, da riservare per una spesa a lungo termine come l’università o un’auto. I risparmi rotativi rimangono a casa di vostro figlio, dove può attingere a sua discrezione. Anche se esaurisce regolarmente la sua scorta, imparerà comunque in prima persona quanto possano essere utili i risparmi in caso di necessità.

Per incoraggiare il vostro bambino a prendere decisioni ponderate sul denaro, considerate di rinunciare al salvadanaio standard con una sola fessura in favore di uno con scomparti separati.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli