Cosa sapere sul vaccino contro l'epatite B

·3 minuto per la lettura
vaccino contro l'epatite B
vaccino contro l'epatite B

Il vaccino contro l’epatite B (HepB) protegge tuo figlio dal virus dell’epatite B, che può portare a danni al fegato e persino alla morte. L’epatite B è generalmente considerata una malattia degli adulti perché è spesso trasmessa attraverso rapporti sessuali non sicuri e aghi condivisi. Tuttavia molte persone che la prendono – compresi i bambini – non si impegnano in questi comportamenti ad alto rischio. Sono infettati alla nascita o contraggono la malattia durante l’infanzia da uno stretto contatto con un’altra persona infetta.

Ogni anno, circa 25.000 bambini nascono da mamme con l’epatite B, e circa 1.000 donne trasmettono la malattia ai loro bambini. Ecco perché le donne incinte vengono testate di routine per l’epatite B in modo che i medici possano prendere provvedimenti per proteggere i loro neonati. Infatti, le vaccinazioni contro l’epatite B iniziano alla nascita.

Vaccino contro l’epatite B: cosa sapere

Molte persone con l’epatite B non si sentono mai male e non sanno di avere la malattia, ma coloro che vengono infettati da bambini hanno maggiori probabilità di avere problemi di salute a lungo termine, come la cirrosi e il cancro al fegato. Si stima che 862.000 persone negli Stati Uniti abbiano l’epatite B cronica. Nel 2017, più di 1.700 americani sono morti per questa malattia.

Il vaccino contro l’epatite B è stato introdotto nel 1981 ed è diventato parte del programma di immunizzazione raccomandato nel 1991. Da allora, l’incidenza dell’epatite B acuta è scesa di oltre il 95% nei bambini e negli adolescenti, e di circa l’82% in generale.

Il numero di nuove infezioni ogni anno è diminuito da una media di 260.000 negli anni ’80 a una stima di 12.200 nel 2017. Il calo maggiore è stato tra i bambini e gli adolescenti.

Qual è il programma raccomandato?

Numero raccomandato di dosi

Tre dosi

Età raccomandate

  • Alla nascita

  • Tra 1 e 2 mesi

  • Tra i 6 e i 18 mesi

Le donne vengono sottoposte a screening per l’epatite B durante la gravidanza. Se il test risulta positivo, il tuo bambino dovrebbe ricevere un’iniezione di immunoglobulina per l’epatite B (HBIG), oltre al vaccino per l’epatite B, entro 12 ore dalla nascita per fornire una protezione a breve termine.

il vaccino contro l'epatite B
il vaccino contro l'epatite B

Chi non dovrebbe prendere il vaccino per l’epatite B?

Un bambino che ha avuto una reazione allergica pericolosa per la sua vita a una precedente dose di vaccino contro l’epatite B non dovrebbe essere vaccinato di nuovo. Se tuo figlio non si è vaccinato contro l’epatite B da bambino, e ha avuto una reazione allergica pericolosa per la vita al lievito di birra (quello usato nel pane), non dovrebbe ricevere il vaccino contro l’epatite B. Quest’ultimo è fatto con quel tipo di lievito.

Ci sono precauzioni da prendere?

In generale, il vaccino contro l’epatite B non è così efficace nei bambini con un basso peso alla nascita, come i prematuri, se lo ricevono prima del primo mese di vita. Se tuo figlio è nato sottopeso, parla con il medico per sapere quando il tuo bambino può ricevere il vaccino.

Tutti i bambini che sono moderatamente o gravemente malati dovrebbero aspettare fino a quando non si riprendono prima di fare il vaccino contro l’epatite B.

Quali sono i possibili effetti collaterali?

Alcuni bambini sentono dolore al sito di iniezione, mentre altri sviluppano una febbre di basso grado. Gravi reazioni allergiche sono rare ma possibili con qualsiasi vaccino.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli