A cosa serve la tisana al tiglio: proprietà e benefici

Tisana al tiglio: ecco a cosa serve

A cosa serve la tisana al tiglio? Bere una tisana al tiglio può avere molti benefici per la salute del corpo in quanto è tra gli infusi più usati per il suo effetto calmante. Il tiglio infatti, oltre a essere una pianta utilizzata contro il raffreddore, ha un effetto rilassante.

A cosa serve la tisana al tiglio?

Vari sono i principi attivi contenuti nella tisana al tiglio, tra questi flavonoidi e polifenoli. Al suo interno sono contenuti anche polisaccaridi (arabinogalattani) saponine, tannini e mucillagini. Presenti nella tisana di tiglio anche sali minerali e la vitamina C, molto utile per difendersi dai malanni invernali e aumentare l’assorbimento di ferro.

L’azione rilassante e calmante contro ansia e stress è senz’altro la più nota ed efficace tra quelle associate alla tisana al tiglio. Rilassarsi bevendo questo infuso caldo può favorire anche un naturale sonno e combattere quindi possibili stati di insonnia.

L’azione calmante della tisana al tiglio è utile anche nei confronti degli spasmi addominali e dei crampi allo stomaco. In più è possibile ottenere anche dei pur modesti effetti diuretici e vasodilatatori.

Anche l’apparato respiratorio può beneficiare del ricorso alla tisana al tiglio, grazie anche al suo contenuto di vitamina C. A questo si aggiunge l’effetto calmante nei confronti di disturbi tipici del periodo invernale come la tosse. Grazie alle proprietà emollienti, antitussive e antispasmodiche possedute dal tiglio, questa pianta può essere impiegata con successo per trattare tosse e bronchiti, dando sollievo ai pazienti che ne sono affetti.

A questo proposito è infine indicato l’impiego di una tisana al tiglio anche in caso di temperatura corporea alta: grazie all’incremento di sudorazione che provoca si rivela utile come antipiretico naturale in caso di febbre.

Modalità d’uso: infusi impacchi e bagni

Il tiglio può essere usato in varie modalità. Quella più classica è sottoforma di tisana o infuso, ma ci sono anche altre possibilità.
Per preparare una tisana al tiglio basta un cucchiaio raso di foglie e fiori di tiglio e una tazza d’acqua. Versate la miscela di foglie e fiori nell’acqua bollente e spegnete il fuoco. Coprite e lasciate in infusione per dieci minuti. Filtrate l’infuso e usatelo al momento del bisogno in caso di palpitazioni, tachicardia e nervosismo. Il momento migliore per bere una tisana al tiglio è prima di andare a dormire per usufruire dell’azione rilassante e sedativa.

Altre modalità di consumo del tiglio, per uso interno, sono:

  • Il macerato glicerinato delle gemme: 30-50 gc a metà mattina e 40-50 gc a metà pomeriggio, lontano da pasti.
  • Tintura madre delle foglie e fiori 30-40 gocce prima di andare a dormire

Per un uso esterno si può optare per bagni, impacchi o infusi a seconda della necessità.
Un bagno al tiglio è utile per combattere lo stress. L’infuso, ricco di olio essenziale, aggiunto all’acqua ha un effetto sedativo per combattere l’insonnia e il nervosismo.

Per fare degli impacchi di tiglio prendete delle garze imbevute di infuso di tiglio e applicatele sugli occhi: allevieranno la stanchezza, il rossore e le borse sotto gli occhi. Il tiglio può essere usato anche come tonico, dopo la pulizia del viso, l’infuso è un ottimo depurativo per la pelle, distende le rughe e aiuta nei casi di arrossamenti cutanei.