Cosa succede al cordone ombelicale del bambino: tutti i dettagli

Cosa succede al cordone ombelicale
Cosa succede al cordone ombelicale

Cosa succede al cordone ombelicale del bambino dopo la nascita? Ebbene, avete sognato questo momento per gli ultimi nove mesi o più: il vostro piccolo è finalmente arrivato! Ma dopo il duro lavoro del parto e prima di crogiolarsi nella beatitudine del neonato, c’è un altro pezzo del puzzle da affrontare: il cordone ombelicale del bambino.

Il cordone funge da ancora di salvezza per il periodo trascorso nel grembo materno, quindi è necessario prestare particolare attenzione al momento in cui il bambino si trasforma in un essere indipendente dopo la nascita. Ecco tutto ciò che i neogenitori devono sapere sul clampaggio, il taglio e la cura del cordone ombelicale dopo il parto.

Cosa succede al cordone ombelicale del bambino dopo la nascita?

Il cordone della vita

Per circa otto mesi, il cordone ombelicale (che si forma intorno alle cinque settimane di gestazione) trasporta le sostanze nutritive e l’ossigeno da voi al vostro bambino e riporta il sangue deossigenato e i rifiuti alla placenta. A termine, contiene due arterie ombelicali e una vena ombelicale. In media, è lungo 20 pollici.

Dopo il parto, i vasi sanguigni del cordone vengono bloccati e compressi per impedire al sangue di fluire in entrambe le direzioni. Questo può avvenire subito dopo la nascita, separando il cordone dalla placenta, come avviene da decenni nelle nascite in ospedale. La maggior parte dei medici blocca il cordone in due punti entro un minuto dalla nascita prima di tagliarlo.

Serraggio ritardato

Sebbene la maggior parte dei medici occidentali continui a clampare il cordone entro un minuto dalla nascita, gli operatori sanitari stanno prendendo nota delle ricerche che suggeriscono che il bambino trae beneficio da un clampaggio ritardato. Ciò significa aspettare che il cordone smetta di pulsare per clamparlo. La ricerca suggerisce che la vena ombelicale si chiude leggermente più tardi rispetto alle arterie ombelicali, consentendo al sangue di continuare a tornare al bambino nei primi minuti di vita, il che potrebbe offrirgli una spinta salutare.

Cosa succede al cordone ombelicale bambino
Cosa succede al cordone ombelicale bambino

La raccolta del sangue del cordone ombelicale

Se avete scelto di raccogliere il sangue del cordone ombelicale per conservarlo per la vostra famiglia o per donarlo, questo avviene tra il momento in cui il cordone viene tagliato e la placenta viene consegnata. L’operatore sanitario preleva il campione di sangue cordonale dall’estremità del cordone ombelicale che si attacca alla placenta, mentre voi e il vostro bambino vi legherete e non sarete disturbati.

Cura del cordone ombelicale

Indipendentemente dal fatto che si ritardi il clampaggio, una volta tagliato rimarrà un breve moncone di cordone ombelicale. Il moncone di cordone si stacca circa due settimane dopo la nascita e dovrebbe guarire senza complicazioni. Mantenetelo pulito e asciutto durante la guarigione e fate al bambino delle spugnature durante questo periodo, invece di metterlo in una vasca d’acqua. Vestite il bambino con abiti larghi e ripiegate il pannolino o ritagliate un’apertura, in modo che non sfreghi contro il moncone e permetta all’aria di asciugarlo.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli