Covid: Gsk-Vir, dati positivi su monoclonale sotrovimab intramuscolo

·3 minuto per la lettura

Dati positivi per l'anticorpo monoclonale sotrovimab in 'versione' intramuscolo, sviluppata con l'obiettivo di semplificare la somministrazione del farmaco per il trattamento precoce di Covid-19 da lieve a moderato, in adulti e adolescenti over 12 ad alto rischio non ospedalizzati. Dati di fase 3 indicano che l'azione di sotrovimab in formulazione intramuscolare è "non inferiore" rispetto a quella endovenosa e offre "un'efficacia simile alla somministrazione endovenosa". Lo comunicano la britannica GlaxoSmithKline e l'americana Vir Biotechnology, sottolineando che la sperimentazione ha arruolato partecipanti durante l'ondata di variante Delta negli Stati Uniti.

Le due aziende riportano i dati principali del trial Comet-Tail, randomizzato, multicentrico e in aperto, che ha raggiunto il suo endpoint primario. Lo studio - spiega una nota - è stato progettato per valutare l'efficacia, la sicurezza e la tollerabilità di sotrovimab somministrato intramuscolo (Im) rispetto alla somministrazione endovena (Iv) in pazienti Covid ad alto rischio fino a 7 giorni dopo l'insorgenza dei sintomi. "Nel braccio della somministrazione Im (500 mg) - si legge - c'è stata una percentuale del 2,7% di progressione verso l'ospedalizzazione per più di 24 ore o il decesso fino al giorno 29, rispetto all'1,3% nel braccio della somministrazione Iv (sempre 500 mg). La differenza aggiustata tra i bracci Im e Iv dello studio è stata dell'1,07%, con un intervallo di confidenza (Ic) al 95% compreso tra -1,25% e 3,39%. Il limite superiore dell'Ic al 95% rientra nel margine di non inferiorità predeterminato del 3,5%, impostato per l'endpoint primario dello studio in consultazione con la Food and Drug Administration (Fda) statunitense". Inoltre, "sono stati osservati bassi tassi di eventi avversi gravi e di eventi avversi di grado 3-4 (minori o uguali a 1% in entrambi i bracci)".

Gsk e Vir prevedono di portare avanti le richieste agli enti regolatori a livello globale, comprese le discussioni in corso con la Fda in merito all'autorizzazione all'uso di emergenza esistente per sotrovimab.

"Sono lieto che i risultati odierni abbiano dimostrato un'efficacia simile per sotrovimab quando iniettato direttamente nel muscolo rispetto a quello somministrato per via endovenosa, offrendo potenzialmente un'opzione più conveniente per i pazienti - afferma Hal Barron, direttore scientifico e presidente di Gsk - Non vediamo l'ora di lavorare con le autorità regolatorie per aiutare a rendere questa nuova opzione disponibile per i pazienti con Covid-19 appropriati".

"Questo studio è stato condotto durante l'apice della circolazione della variante Delta, con un significativo arruolamento in Florida, un punto caldo per questa particolare variante e dove i tassi di ospedalizzazione erano in media più del 10% dei casi confermati - evidenzia George Scangos, amministratore delegato di Vir - Abbiamo progettato sotrovimab per resistere alle varianti" di Sars-CoV-2 "che prevedevamo si sarebbero verificate e questi dati dimostrano che sotrovimab somministrato Iv o Im potrebbe rivelarsi importante nella lotta contro Covid-19 dopo l'autorizzazione. Mentre ci avviciniamo al terzo anno della pandemia, possiamo aspettarci che continueranno a essere necessarie più opzioni di trattamento, in particolare per i pazienti ad alto rischio con esigenze sanitarie complesse".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli