Covid: i proprietari di cani sono più a rischio, lo afferma uno studio

Primo Piano
·2 minuto per la lettura
(Foto Getty)
(Foto Getty)

In tempo di pandemia vivere con un cane senza adottare le normali norme igieniche potrebbe inconsapevolmente aumentare il rischio di trasmissione del coronavirus.

È quanto emerso da uno studio condotto dai ricercatori dell'Università di Granada (UGR) e della Scuola Andalusa di Salute Pubblica su un totale di su 2.086 individui, che ha analizzato i principali fattori di rischio nella trasmissione del virus SARS-CoV-2 durante il blocco nazionale in Spagna, tra marzo e maggio 2020.

Secondo la ricerca, pubblicata sulla rivista Environmental Research, chi nel periodo preso in esame viveva con un cane e chi si faceva consegnare la spesa a domicilio sarebbe risultato più a rischio di contrarre il Covid. Un rischio del 78% nel caso di convivenza con un cane e del 94% in quello delle consegne a domicilio.

GUARDA ANCHE: Coronavirus, cani riconoscono chi è positivo

I due principali fattori di rischio

I ricercatori hanno ritenuto improbabile il passaggio di virus dall'animale all'uomo. Per loro è più plausibile che il cane sia venuto in contatto con oggetti o superfici in cui era presente il virus durante una passeggiata fuori e che lo abbia poi portato in casa. Per questo, i ricercatori hanno ribadito l’importanza del rispetto delle norme igieniche: lavarsi le mani dopo averli toccati, pulirli adeguatamente dopo averli portati a spasso fuori.

“A livello internazionale, ci sono diversi studi che hanno ottenuto risultati simili al nostro sull'infezione da coronavirus nei cani, ma è necessario approfondire questo tema e stabilire se questa prevalenza del virus tra i proprietari di cani sia dovuta a un motivo o un altro", ha spiegato Sánchez González, un ricercatore dell'UGR.

Secondo quanto riferito dall’Oms, “sebbene ci sia stato un caso di infezione di un cane a Hong Kong, fino ad oggi, non ci sono prove che un cane, un gatto o qualsiasi animale domestico possa trasmettere il Covid-19". È più probabile che gli animali domestici possano portare il virus sulla loro pelliccia. Le coccole e la toelettatura potrebbero essere un veicolo di diffusione, se non vengono preventivamente rispettate le norme igieniche.

Per quanto riguarda la spesa a domicilio, la misura igienica più efficace per aiutare a ridurre la prevalenza della malattia è stata quella di disinfettare le superfici e gli involucri dei prodotti acquistati al supermercato o di quelli consegnati a casa.

GUARDA ANCHE: Biden porta alla Casa Bianca due amici speciali