Covid, le 4 tappe per la riapertura della Gran Bretagna

Primo Piano
·1 minuto per la lettura
(Stefan Rousseau/Pool Photo via AP)
(Stefan Rousseau/Pool Photo via AP)

Il primo ministro britannico, Boris Johnson, ha reso noto in Parlamento il per la riapertura del Paese, in lockdown da inizio gennaio 2021, e un graduale ritorno alla normalità. 

Quattro le tappe del programma

- la prima è fissata all'8 marzo con la riapertura delle scuole,

- fra l'8 e il 29 marzo si andrà avanti con qualche allentamento delle restrizioni sociali (saranno consentiti i contatti sociali fra un massimo di 6 persone e praticare sport come tennis, golf o calcio all'aperto)

- dal 12 aprile le restrizioni verranno allentate in maniera più estesa (sì quindi al servizio all'aperto di pub e ristoranti, alla riapertura di parrucchieri, musei, biblioteche, palestre e piscine),

- un ulteriore alleggerimento è previsto dal 17 maggio (con il parziale via libera a ristoranti e pub anche indoor),

- il 21 giugno saranno tolte le restrizioni rimanenti (e potranno ripartire anche i locali notturni).

VIDEO - Covid, Boris Johnson: "Ecco il nostro viaggio di sola andata verso la libertà"

Johnson ha comunque sottolineato che affinché "i cambiamenti siano irreversibili", il passaggio da una fase all'altra del piano avverrà solo a condizione che sussistano quattro criteri cruciali: i progressi sulle vaccinazioni anti-Covid, il calo di casi e decessi, il contenimento dell'indice Rt di contagio entro una soglia che non comporti rischi di sovraffollamento degli ospedali, e il contenimento di nuove varianti di coronavirus.

VIDEO - Il G7 in epoca Covid: Boris Johnson accoglie Draghi, "ciao Mario"