Covid, Locatelli: "Entro giugno 40 milioni di vaccini"

Primo Piano
·1 minuto per la lettura
(AP Photo/Alvaro Barrientos)
(AP Photo/Alvaro Barrientos)

In un'intervista a "Buongiorno" su Sky TG24, Franco Locatelli, presidente del Consiglio Superiore di Sanità, ha commentato così l'andamento della campagna vaccinale anti-Covid in Italia: "La disponibilità di vaccini che dovremmo avere entro il mese di giugno è quantificabile nell'ordine dei 40 milioni".

E ha continuato: "Quindi dovremmo arrivare largamente a una cifra importante di persone che saranno vaccinate".

VIDEO - Covid, il vaccino russo funziona?

L’esperto ha poi aggiunto che, dei tre vaccini Pzifer, Moderna e AstraZeneca, "abbiamo avuto 2 milioni di dosi di vaccini a gennaio, ne sono previste 4 milioni per febbraio, 8,3 milioni per marzo e poi 25 milioni per il trimestre successivo. È chiaro che se poi arriveranno ulteriori dosi di vaccini o se ne saranno approvati altri questo numero si potrà incrementare".

"Io credo che noi ci dobbiamo accostare a ogni vaccino con un atteggiamento che definirei laico. Valutare il profilo di sicurezza e l'efficacia di un vaccino attraverso delle analisi rigorose come sono quelle che garantisce l'Agenzia regolatoria europea (Ema) e quella italiana (Aifa) e attraverso una valutazione delle pubblicazioni scientifiche che verranno a essere prodotte", ha infine concluso il presidente del CSS.

VIDEO - Covid, Pfizer è efficace sulle varianti del virus?