Covid, mascherine fino all'estate: la spiegazione degli esperti

Primo Piano
·2 minuto per la lettura

Le mascherine ci accompagneranno perlomeno fino all'estate, secondo molti esperti. E nessuna eccezione per chi è stato vaccinato: l'addio ai dispositivi di protezione è lontano per tutti. 

Scienziati e medici americani e italiani concordano infatti sul fatto che non è ancora chiaro quanto i vaccini riducano la trasmissione del virus, per quanto sia certo che, in caso di contagio, riducano la gravità della malattia.

VIDEO - Il furbetto della mascherina, ecco come truffava all'esame

Come riporta il sito della Cnn, secondo un modello sviluppato dall'Institute for Health Metrics and Evaluation della Washington University che tiene conto della distribuzione del vaccino negli Usa e del numero dei contagi, solo negli Stati Uniti, mantenendo le mascherine per tutti, si eviterebbero 14mila morti per la pandemia fino ad agosto. Senza i dispositivi di protezione, la proiezione dei decessi nel Paese (attualmente sono oltre 562mila) fino al primo agosto, infatti, risulta di oltre 618mila persone. Tuttavia, se il 95% della popolazione continuasse ad usare la mascherina, il numero delle vittime calerebbe a 604mila unità.

"È importante che tutti gli americani, vaccinati o no, continuino a distanziarsi finché non saremo sicuri che le persone vaccinate non diffondono il virus", ha affermato l'immunologo Anthony Fauci in un'intervista a Business Insider, sottolineando che "evidenze scientifiche crescenti suggeriscono che non lo diffondono, ma avere pazienza è il modo di tenere sotto controllo i casi".

La necessità di indossare le mascherine è condivisa anche da Nino Cartabellotta, presidente della Fondazione Gimbe. "In questo momento la copertura vaccinale degli over 80 è a buon punto, ma non quella degli ultrasettantenni che - ha detto a Radio Cusano Campus - è la fascia che rispetto alle ospedalizzazioni paga il prezzo più elevato, mentre quella degli over 80 la paga rispetto ai decessi".

VIDEO - Andare a scuola aumenta il rischio contagio?