Covid, per la prima volta da luglio torna a salire incidenza - ISS

Un operatore sanitario con una siringa contenente un vaccino contro il Covid-19 a Roma

MILANO (Reuters) - Per la prima volta dalla seconda metà di luglio riprende a salire l'incidenza settimanale dei casi di Covid-19 in Italia, invertendo una tendenza che era stata costante da inizio agosto.

E' il quadro della settimana dal 16 al 22 settembre tratto dai dati alla valutazione della cabina di regia che prepara il monitoraggio dell'Istituto superiore di sanità-ministero della Salute.

L'incidenza è salita a 215 casi ogni 100.000 abitanti rispetto ai 186 ogni 100.000 della settimana precedente. Numeri comunque molto lontani da quelli della metà di luglio quando l'incidenza era a oltre 1.000 casi ogni 100.000.

Nel periodo 31 agosto-13 settembre, l'Rt medio calcolato sui casi sintomatici è stato pari a 0,91, stabile rispetto alla settimana precedente.

L'Rt è l'indice che dice quanti possono essere contagiati da una sola persona in media e in un certo periodo di tempo.

Stabile anche il tasso di ricoveri in terapia intensiva (1,4%), mentre il tasso di occupazione dei posti letto nei reparti ordinari scende al 5,3% (rilevazione giornaliera al 22 settembre) dal 5,7% (rilevazione 15 settembre).

Due regioni sono classificate a rischio alto, 11 a rischio moderato e le restanti 8 regioni sono classificate a rischio basso.

La percentuale dei casi rilevati attraverso l'attività di tracciamento dei contatti è stabile rispetto alla settimana precedente (11%).

In leggero aumento la percentuale dei casi rilevati attraverso la comparsa dei sintomi (53% rispetto a 51%), mentre diminuisce leggermente la percentuale dei casi diagnosticati attraverso attività di screening (36% confronto a 37%).

(Emilio Parodi, editing Claudia Cristoferi, ; +39 06 8030 7744)