Covid, perchè è importante tenere le finestre aperte: la scoperta

Primo Piano
·2 minuto per la lettura

Da un recente studio dell'Università del New Mexico, pubblicato sulla rivista Physics of Fluids, è emerso che tenere le finestre aperte il più possibile è uno strumento molto efficace per limitare la trasmissione del Covid-19. I ricercatori spiegano che questa regola vale non solo per le abitazioni private, ma anche per le aule scolastiche. La continua ventilazione, infatti, consente di ridurre fino al 70% la presenza di minuscole particelle di virus sospese nell'aria (il cosiddetto aerosol o trasmissione airborne) che proprio negli ambienti chiusi può rappresentare un veicolo di diffusione.

GUARDA ANCHE - Coronavirus, un metro di distanza non basta

Lo studio

L'aerosol è composto da una sospensione di particelle di dimensioni inferiori ai 5 micrometri (millesimi di millimetro), emesse durante la respirazione oppure residui di goccioline più grandi prodotte mentre si parla. Queste particelle possono sostare o essere trasportate nell'aria, permanendo per un tempo che ancora è da stabilire.

I ricercatori hanno utilizzato modelli computazionali per riprodurre il movimento delle piccolissime particelle di saliva contenute nell'aerosol, in varie condizioni di aerazione all'interno della classe. La ricerca ha dei limiti dovuti al fatto che nella simulazione sono state prese in considerazione soltanto particelle di un micrometro, mentre anche goccioline più grandi o più piccole possono contenere il coronavirus.

Tuttavia i risultati mostrano che le particelle possono essere trasmesse anche a distanza di quasi 2 metri e mezzo, e questo accade perché vengono trasportate da correnti e altri movimenti dell'aria. Ma una buona notizia c'è: quasi il 70% delle goccioline di dimensione di un micrometro viene eliminato dall'aula quando le finestre vengono tenute aperte.

I condizionatori

Se tenere la finestra aperta è un'arma valida, al contrario, accendere i condizionatori non è un metodo altrettanto efficace. Stando allo studio, infatti, l'aria condizionata rimuove circa il 50% di queste particelle, mentre le restanti permangono nell'aria oppure vengono depositate sulle superfici e possono successivamente rientrare in circolo.

GUARDA ANCHE - Covid, goccioline infettive trovate nell’aria