Covid, Pregliasco: "Virus peggiora, serve dose da cavallo"

Primo Piano
·2 minuto per la lettura
Fabrizio Pregliasco (Photo by Alessandro Bremec/NurPhoto via Getty Images)
Fabrizio Pregliasco (Photo by Alessandro Bremec/NurPhoto via Getty Images)

Se l’epidemia oggi si mantiene su livelli alti “la ragione va ricercata nei comportamenti irresponsabili del periodo natalizio. C'è stato un abbassamento del livello di attenzione. Le indicazioni del governo erano necessarie, ma qualcuno non le ha rispettate e si sono creati dei focolai”. In un’intervista a Il Messaggero Fabrizio Pregliasco, virologo e ricercatore di igiene dell’Università degli Studi di Milano, non le manda a dire e analizza l’attuale situazione epidemica nel nostro Paese.

“Siamo in difficoltà nel trovare la soluzione giusta. Quella che stiamo osservando ora non è un’ondata ma i prodromi di una possibile nuova ondata che è stata in un certo senso messa in atto dai comportamenti irresponsabili ed eccessivi che abbiamo osservato durante le feste”, spiega l’esperto.

GUARDA ANCHE - Vaccino Moderna, cos’è e come funziona

Secondo Pregliasco, ritardare “un’azione restrittiva a fronte di indicazioni di innalzamento dell’epidemia può essere pericoloso. Si pensi al Veneto, che è rimasto a lungo in zona gialla”. A questo punto “l'opzione più utile è quella di tentare una dose da cavallo per poco tempo, piuttosto che definire limiti e orari che, come si è già visto, sono meno gestibili dalla popolazione”.

È giusto tuttavia, prosegue il noto virologo, “poter contare su più opzioni, perché così si auspica di riuscire a governare meglio il disastro economico che stiamo vivendo. Dal punto di vista epidemiologico, l'unica strada che funziona per frenare il virus è il lockdown rigido e lungo. Ma, dovendo tenere conto di altre esigenze, si prova a bilanciare le misure in base ai dati dei contagi”. Sarebbe necessario “rafforzare le misure più restrittive almeno per uno-due mesi. Per quanto possibile le zone rosse devono essere estese e più numerose, almeno per un primo periodo, durante la vaccinazione. Questo permetterà di tutelare le persone più fragili”.

GUARDA ANCHE - Vaccino, le giovani infermiere anti fake news