Covid, Tarantino (Si-Guida): 'Ha aggravato stato pazienti con dolore muscolo scheletrico'

·2 minuto per la lettura

“L’impatto della pandemia ha sicuramente aggravato lo stato dei pazienti affetti da dolore muscolo scheletrico. Laddove il dolore era ancora a livello acuto o sub-acuto è diventato inesorabilmente un dolore cronico e persistente che limita la vita”. Lo ha detto Umberto Tarantino, della Fondazione Policlinico Tor Vergata e presidente della Società Italiana per la Gestione Unificata ed Interdisciplinare del Dolore muscolo-scheletrico e dell’Algodistrofia (Si Guida), in occasione dell’apertura del terzo congresso nazionale, in corso a Roma.

“A causa del Covid- 19 è venuta a mancare la comunicazione tra paziente e specialista – ha proseguito Tarantino - il paziente quindi si è curato in maniera auto referenziata, con una terapia sicuramente non adeguata. Bisogna considerare inoltre che anche la cronicità legata all’assunzione di farmaci è assolutamente pericolosa. In questo periodo, situazioni correggibili con la riabilitazione sono degenerate, portando i pazienti a dover subire interventi chirurgici”.

In relazione al simposio, Tarantino ha specificato: "Il terzo congresso della società Si-Guida si propone di fare un aggiornamento su tutto ciò che riguarda il dolore muscolo scheletrico. Il dolore muscolo scheletrico colpisce circa il 40/50% delle persone dopo i 65 anni e impedisce loro una normale qualità di vita. Nelle fasce di età più giovani il dolore riduce la loro attività lavorativa. Questa patologia crea inoltre una condizione di dipendenza dai farmaci e di dipendenza psicologica dal problema".

"In questa riunione congressuale - ha aggiunto - verranno affrontati ad esempio i temi legati all’artrosi e ai dolori che essa può provocare. Andremo a fare il punto anche sul dolore lombare; sappiamo infatti che il 16% delle persone, almeno una volta nella vita, andranno a dire al medico di avere un dolore al rachide. Affronteremo tutti gli aspetti legati al dolore, a partire dalle cause andando poi ad esaminare come un dolore acuto possa diventare cronico. La nostra è una gestione interdisciplinare dove ortopedici, reumatologi e fisiatri operano insieme per guidare e curare il paziente nel modo migliore. Il dolore cronico, se persiste, può provocare ansia e depressione e questo fa peggiorare la qualità di vita del paziente. Daremo infine dei consigli, specificando quando situazioni complesse richiedono interventi chirurgici o quando una buona riabilitazione, insieme alla terapia farmacologica, può dare uno stimolo a far riprendere la vita nella normalità”, ha concluso.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli