Covid, uno studio dimostra che si muore di più nel fine settimana. Cos'è l'effetto weekend

·1 minuto per la lettura
covid effetto weekend
covid effetto weekend

Si morirebbe di Covid di più tra il sabato e la domenica rispetto ai giorni feriali. Questo è ciò che avrebbe dimostrato uno studio stilato dall’Università di Toronto e che verrà presentato nel corso del prossimo Congresso europeo di microbiologia clinica e malattie infettive (eccmid) che si terrà Lisbona tra il 23 e il 26 aprile.

L’indagine guidata da Fizza Manzoor e Donald Redelmeier è stata elaborata a partire dai dati messi a disposizione dall’Oms e legati ai decessi avvenuti nel periodo che va dal 7 marzo 2020 al 7 marzo 2022.

Covid, scienziati studiano l’effetto weekend

Stando a quanto emerge dallo studio dell’ateneo canadese nel fine settimana si verifica un incremento dei decessi pari al 6% in più rispetto al periodo che va dal lunedì al venerdì. Basti pensare che è stato riscontrato “un numero medio di morti a livello globale del 6% più alto nei fine settimana: 8.532 decessi contro 8.083”, con una differenza di 449 morti.

Tra i Paesi inoltre nel quale è stata osservata una curva maggiore troviamo gli Stati Uniti (media 1483 decessi – +22%), Brasile (media 1061 nel weekend – +29%) e Regno Unito (239 – +11%).

La Germania è un’eccezione

Un dato particolarmente interessante emerso dallo studio è che in Germania, contrariamente, il valore medio dei decessi nel weekend è inferiore rispetto ai giorni feriali con un decremento del 27% (137 vs 187).

A tale proposito Manzoor ha spiegato: “I ritardi burocratici dei fine settimana non spiegano da soli questi numeri né spiegano perché l’aumento dei decessi nei giorni di weekend sia stato così sostanziale negli Usa e non osservato in Germania. È invece probabile che l’effetto fine settimana sia dovuto anche a carenze di personale, know-how ed esperienza”.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli